Quantcast

Bordighera, area giochi a Borghetto: i consiglieri Fonti e Laganà chiedono che venga realizzata in piazza foto

Realizzare un’area giochi è un’ottima iniziativa, ma farlo in un’area che non verrà mai sfruttata potrebbe rivelarsi uno spreco"

Bordighera. “Accogliamo con favore la decisione della giunta comunale di riservare parte delle risorse a Borghetto, realizzando un’area giochi per i bambini ma non condividiamo la scelta dell’ubicazione del posizionamento dei giochi, in quanto lontana dal centro e dunque poco accessibile da parte delle famiglie”. A scriverlo sono i consiglieri comunali di opposizione Massimo Fonti e Marco Laganà, che aggiungono: “La zona si trova infatti in un’area delocalizzata, esattamente dietro all’area cani, che non è di facile accesso alle mamme e ai bambini, soprattutto se con i passeggini, anche in considerazione dell’assenza di servizi igienici”.

“Anche da punto di vista della sicurezza, con la non comprensibile decisione dell’anno scorso di disattivare il sistema di video sorveglianza, che avrebbe garantito una maggiore sicurezza, l’allocazione dei giochi in quell’area non è condivisibile”, proseguono Fonti e Laganà, “Crediamo che in ogni caso sarebbe opportuno che la giunta si confrontasse con gli abitanti di Borghetto per trovare la soluzione migliore, riteniamo comunque che la realizzazione dell’area giochi nella piazza centrale sarebbe un’occasione per creare aggregazione, comoda per la centralità e la vicinanza al bar, facilmente raggiungibile e certamente più sicura per le famiglie. Questa soluzione potrebbe comportare il sacrificio di qualche posto auto ma lo riteniamo un giusto compromesso”.

“Spendere i soldi per la collettività è un bene e su questo siamo tutti d’accordo ma bisogna valutare attentamente dove e come vengono investiti. Realizzare un’area giochi è un’ottima iniziativa, ma farlo in un’area che non verrà mai sfruttata potrebbe rivelarsi uno spreco”, concludono, “Invitiamo quindi l’amministrazione comunale di Bordighera a rivedere la propria decisione, confrontandosi con i residenti di Borghetto e con i consiglieri (anche se di minoranza) residenti, che sul punto possono dare il loro contributo per prendere la migliore decisione a favore della collettività”.