Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, è guerra all’accattonaggio: la mozione anti-questuanti di Silvia Malivindi (M5S) votata all’unamità dal consiglio comunale

Nel caso di piazza della Libertà a chiedere la questua sembra essere un'intera famiglia residente a Ventimiglia

Ventimiglia. Il parcheggio di piazza Libertà è in mano ad accattoni che, tra l’altro, non sembrano neanche tanto indigenti visto che comunicano tra loro con tanto di smartphone: per cercare di emarginare questo fenomeno, il consigliere Silvia Malivindi (M5S) ha presentato una mozione ad hoc. “Ovviamente il fenomeno dell’accattonaggio non avviene solo in piazza della Libertà”, ha dichiarato la grillina, “Ma in questo caso pare addirittura che si tratti di una famiglia intera residente a Ventimiglia che di lavoro fa questo: chiedere l’elemosina. E con i proventi di questo “lavoro” si paghi anche l’affitto”.

Insomma, una situazione di degrado insostenibile che arriva a confondere anche gli automobilisti: “Alcuni francesi pensano addirittura che i questuanti siano lì per far pagare il ticket del biglietto e danno soldi a loro anziché inserirli nella macchinetta”, ha spiegato la Malivindi, che ha anche fatto riferimento al decreto legge emanato dal governo Gentiloni il 20 febbraio scorso i cui articoli 4,5 e 8 sono specificatamente volti a contrastare il fenomeno dell’accattonaggio.

Dopo aver chiesto al consigliere di presentare un emendamento alla mozione per poterla accogliere, il sindaco Enrico Ioculano ha precisato: “Al di là del fastidio e del degrado, quello che va colpito è il discorso del racket che esiste dietro ad una persona che vediamo chiedere l’elemosina”.

Sia il sindaco che il consigliere di maggioranza Franco Paganelli hanno poi sottolineato l’impegno del comando di polizia municipale e del commissariato per debellare il fenomeno dell’accattonaggio in questi mesi.

La mozione, emendata, è stata votata in modo favorevole dall’unanimità dell’assise.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.