Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, deposita rifiuti in terreno privato e dà fuoco per ricavare metalli: anziano a processo

Udienza fissata a novembre

Sanremo. Lo vedevano percorrere avanti e indietro una stradina di campagna con un motocarro verde ricolmo di ogni genere di rifiuti e poi, da un terreno privato in una zona isolata, si alzava del fumo denso e nero. Il mistero di cosa stesse accadendo in in località Beuzi è stato presto risolto: un uomo, conosciuto ai commercianti di metalli, aveva trovato il luogo ideale dove ricavare ferro e altri metalli, peccato che si trattasse di una campagna privata e che, al suo ritorno, il proprietario abbia trovato una discarica.

“Lavastoviglie, frighi, vasche da bagno, televisori”, elenca L.E., il proprietario del terreno, “D’estate non ci andavo quasi mai per lavoro, sono stato avvisato da un vicino che vedeva continuamente fumo e non capiva cosa avessi da bruciare”. Nulla in realtà. Perché a dar fuoco a centinaia di elettrodomestici era L.C., che aveva trovato il sistema più veloce per separare il metallo dalla plastica.

I fatti risalgono all’estate del 2013, ma la vicenda è approdata oggi nell’aula magna del Tribunale di Imperia, davanti al giudice Laura Russo. “Quando ho visto tutto quel macello”, ha dichiarato L.E., “Ho sporto immediatamente denuncia”. Il proprietario del terreno non ha mai colto nessuno con le mani nel sacco, ma attraverso diverse testimonianze e indagando tra i commercianti di ferro e metalli, è riuscito a risalire all’identità dell’uomo che continuava ad introdursi nel suo terreno e che, ha constatato osservando il materiale fotografico portato in aula, “ha anche ucciso un mio ulivo, bruciandolo”.

Oltre al terreno di proprietà di L.E., il signor L.C. avrebbe occupato anche parte di una proprietà di Autostrada dei Fiori.
Dopo aver ascoltato i testi, interrogati anche dall’avvocato Noto che difende l’imputato, il giudice ha fissato l’udienza il prossimo 13 novembre per poter anche ascoltare il testimone che, durante un sopralluogo dopo un incendio, ha trovato L.C. nel terreno mentre depositava altri rifiuti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.