Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Iperattività, ipostimolazione e comportamento patologico nel cane

Se il cane non può usare le sue capacità o soddisfare sufficientemente le sue fondamentali necessità, è probabile che alla prima occasione reagisca in modo esagerato

La rubrica #petnews24 oggi affronta i temi dell’iperattività, dell’ipostimolazione e del comportamento patologico nel cane.

Iperattività

I cani che mostrano un livello di attività superiore alla media della razza o della popolazione a cui appartengono, sono comunemente definiti iperattivi.

Si conoscono diverse cause di iperattività che possono essere ricondotte a processi fisiologici. I proprietari dei cani che mostrano un livello di attività maggiore del normale, dovrebbero consultare il veterinario, chiedendo un controllo completo del cane e un eventuale trattamento, in quanto è possibile che un’allergia o un certo tipo di dieta siano la causa o i fattori che contribuiscono alla manifestazione dell’iperattività. Dopo aver contattato il veterinario è bene recarsi anche da un comportamentista riconosciuto e da un educatore, per avere un aiuto nel mettere a punto un programma comportamentale supplementare.

L’iperattività o iperstimolazione, molto spesso è il risultato di un’ipostimolazione; infatti se il cane non può usare le sue capacità o soddisfare sufficientemente le sue fondamentali necessità, è probabile che alla prima occasione reagisca in modo esagerato.

Ipostimolazione

Si dice che un cane è ipostimolato, quando gli vengono fornite insufficienti opportunità di soddisfare le sue necessità, e di usare e sviluppare le sue capacità innate.

L’ipostimolazione è la principale causa dei disturbi presentatidal cosiddetto cane-problema. L’animale può reagire abbaiando in modo eccessivo, oppure salutando in un modo esageratamente insistente e pesante; inoltre anche l’aggressività può essere una delle conseguenze della scarsa stimolazione.

Il trattamento per un cane che presenta problemi legati alla ipostimolazione consiste nell’attivarlo tramite esercizi costruiti appositamente per sviluppare le sue capacità naturali, utilizzate, ad esempio, per seguire piste, per la ricerca olfattiva, per effettuare esercizi di controllo del corpo o per il problem-solving.

Comportamento patologico

I comportamenti patologici (dal greco pathos: malattia; e logos: argomentazione, scienza della) sono tutti quelli che, in un determinato periodo di tempo, differiscono in termini quantitativi e qualitativi da quelli nella media di una data specie, razza, e popolazione; oppure si considerano patologiche quelle specifiche forme comportamentali che mancano di una sequenza.

È importante che il comportamento venga definito secondo una media di dati, in quanto ci sono sempre delle differenzeindividuali. È altrettanto importante limitare la definizione a certi gruppi di individui, poiché le condizioni prevalenti di una popolazione possono differire da quelle che agiscono sul programma genetico di un’altra, e così facendo modificano quindi il comportamento e lo adattano in maniere differenti.

Nei cani, la maggior parte dei comportamenti patologici è da mettere in relazione con la paura e l’aggressività. È normale che un cane manifesti aggressività e paura, in determinate circostanze e secondo ben definite sequenze comportamentali; ma se in una di queste sequenze mancano dei passaggi, oppure se i fattori scatenanti differiscono radicalmente da quelli medi, il suo comportamento è definito patologico.

Per esempio, il cane adulto che morde o che fa del male ai cuccioli mostra un comportamento patologico, poiché questo è un comportamento che non rientra nella media dei cani adulti. Risulta ugualmente patologico un comportamento di un cane che attacca senza manifestare la corretta sequenza di successivi avvertimenti sempre più minacciosi.

Il comportamento patologico può talvolta essere trattato combinando diversi interventi terapeutici, come ad esempio programmi di modifica comportamentale appositamente studiati e in casi estremi associando cure farmacologiche.

Contattare un buon educatore e un comportamentista, in ogni caso, può essere una scelta indispensabile per migliorare o risolvere definitivamente il problema.

Educatore Cinofilo Luca Suman

http://evoluzionecinofila.blogspot.com

evoluzionecinofila@gmail.com

https://m.facebook.com/maluevoluzionecinofila

Tel. 3401447161

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.