Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Educazione cinofila, come gestire le interazioni tra cani e bambini

Spesso le incomprensioni tra bambini e cani finiscono tragicamente, cioè con un morso inflitto dal cane al bambino

Spesso le incomprensioni tra bambini e cani finiscono tragicamente, cioè con un morso inflitto dal cane al bambino. In questi casi, di solito, l’animale viene allontanato o abbattuto, mentre al bambino possono restare cicatrici sia fisiche che psichiche, per il resto della vita.

Bisogna quindi prendere in seria considerazione i problemi fra bambini e cani , mettendo tempestivamente in atto misure preventive. Quando un bambino viene morso da un cane, la responsabilità è sempre degli adulti; quando un bambino e un cane non si comprendono, è perché noi abbiamo sbagliato o non abbiamo spiegato abbastanza chiaramente al bambino come i cani interpretano il nostro comportamento, oppure ci siamo comportati da proprietari irresponsabili, che non hanno saputo insegnare al cane ad avere sempre il massimo rispetto dei bambini, e a non far loro del male. Scuse e spiegazioni profuse a cose avvenute, sono inutili. Un bambino non deve mai pagare il prezzo dell’ignoranza del proprietario di un cane:

1) anche se il padrone di un cane non ha figli e non è intenzionato ad averne, deve ugualmente insegnargli ad accettare i bambini e a comportarsi in modo appropriato in loro presenza. Ciascuno di noi dovrebbe considerare ogni bambino come proprio, e il nostro compito più importante è quello di proteggere tutti loro. È bene quindi prestare attenzione alle seguenti situazioni;

2) non deve essere mai permesso al cane di prendere i giocattoli dei bambini. Se questo accade, bisogna insegnare al bambino a non provare a toglierli all’animale, ma a chiedere aiuto agli adulti;

3) non permettere che il cane e il bambino giochino a calcio insieme, perché sono inevitabili dei placcaggi con conseguenze imprevedibili;

4) bisogna avvertite il bambino di non correre in presenza del cane, poiché ciò incoraggia il cane a inseguirlo;

5) bisogna scoraggiare qualsiasi tentativo da parte del cane di saltare addosso ai bambini, poiché questo li può spaventare moltissimo;

6) non permettere che il bambino e il cane dormano insieme; tale intimità potrebbe essere fraintesa dal cane, il quale potrebbe esibire di conseguenza comportamenti dominanti nei confronti del bambino;

7) mai dare da mangiare al cane e al bambino insieme. La presenza del cibo è un fattore che aumenta lo stato di allerta del cane, condizione questa che, a sua volta, può scatenare comportamenti di dominanza e aggressività nell’animale;

8) insegnare al bambino i principi fondamentali della comprensione del cane, in modo che egli eviti di molestarlo;

Dobbiamo sempre mostrare rispetto verso tutti gli animali e verso ogni forma di vita. Secondo la mia esperienza, i bambini riproducono gli atteggiamenti dei genitori nella maggior parte dei casi. Tuttavia, se hanno avuto dei buoni insegnanti, i bambini possono essere straordinariamente bravi nel comprendere ed educare i cani. Gli esperimenti condotti finora in Etologia dimostrano che i ragazzi sono molto più pronti degli adulti nell’insegnare ai cani nuovi giochi di abilità, ed anche più bravi nel rinforzare certi schemi comportamentali.

 

Educatore Cinofilo Luca Suman

http://evoluzionecinofila.blogspot.com

evoluzionecinofila@gmail.com

https://m.facebook.com/maluevoluzionecinofila

Tel. 3401447161

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.