Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Dalla 1° media alla 3° Età”, giunto al termine un altro progetto solidale dell’istituto comprensivo Littardi foto

Collaborazione attiva tra i ragazzi e gli anziani della casa di riposo, un progetto ludico e socio-educativo che aveva come obiettivo la realizzazioni di alcuni oggetti con materiale di riciclo

Imperia. Giunto al termine un altro progetto rivolto alla solidarietà, proposto dall’istituto comprensivo Littardi che ha visto coinvolti gli alunni della classe II° G della scuola media e gli animatori della Casa di Riposo Imperia. Il progetto denominato “Dalla 1° media alla 3° Età” consisteva in una collaborazione attiva tra i ragazzi e gli anziani della casa di riposo, un progetto ludico e socio-educativo che aveva come obiettivo la realizzazioni di alcuni oggetti con materiale di riciclo.

“Anche quest’anno i nostri studenti hanno voluto regalare sorrisi agli ospiti della casa di riposo di via Agnesi. Il progetto seguito dalle prof.sse Trucco Jessica e Prati Tiziana, per i nostri ragazzi è stato un’esperienza emozionante, unica, anche se la soddisfazione più grande è stata quella di aver portato una ventata di allegria agli ospiti della struttura, la dimostrazione del nostro successo è la gioia che si leggeva negli occhi degli anziani durante la realizzazione di questi piccoli oggetti.

Il progetto tra l’altro consisteva nel utilizzare materiale di riciclo per la realizzazione di soprammobili che sono poi stati donati dai ragazzi agli stessi ospiti, pertanto l’aspetto educativo prevedeva sia una parte relativa al rispetto dell’ambiente attraverso il riciclo del materiale, che quello socio-educativo collaborando attivamente con gli anziani della casa di riposo.

Questo progetto è la continuazione del lavoro che l’Istituto Littardi di Imperia sta portando avanti ormai da tempo, per avvicinare i nostri ragazzi al mondo della solidarietà. Siamo sempre pronti a guardarci attorno, e ad intervenire quando possiamo se si tratta di aiutare il prossimo in difficoltà.

E’ l’insegnamento più importante che vogliamo ogni anno lasciare ai nostri studenti, ma la soddisfazione più grande è vedere con quale entusiasmo i ragazzi apprendono questo concetto, anzi spesso sono loro stessi a proporci dei nuovi progetti.

Quest’anno, ad esempio, l’Istituto Littardi è stato protagonista in aiuti concreti alle popolazioni terremotate del centro Italia e alle persone della Valle Arroscia vittime dell’alluvione di qualche mese fa, progetti proposti dagli stessi alunni che ci hanno permesso di portare aiuti concreti.

Questa è la chiara dimostrazione che stiamo lavorando bene, e che oltre ad imparare le classiche materie didattiche i nostri allievi stanno imparando la lezione più importante, che nella vita bisogna aiutare sempre il prossimo” – afferma il dirigente scolastico Giovanni Poggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.