Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accoglienza migranti, “Non possono essere solo tre comuni in provincia a farsi carico dell’accoglienza” foto

Il dibattito oggi durante la riunione di Anci Liguria a Genova

Genova. Si è svolta oggi a Genova la riunione dell’Anci Liguria dove al punto primo all’ordine del giorno si è discusso dell’accoglienza dei migranti presso i vari comuni liguri. Se da un lato i sindaci di centrosinistra favorevoli a un’accoglienza ‘guidata’ dallo Sprar (Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) per non subire gli ordini dei prefetti attraverso i Cas (Centri Assistenza Straordinaria), dall’altro quelli di centrodestra, contrari all’accoglienza.

“Fare un passo indietro al piano dell’Anci significa abdicare alla gestione del nostro territorio, nessuno ha chiamato i profughi a Ventimiglia, me li sono trovati, cosi’ come nel resto d’Italia - replica il sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano – Non aderire allo Sprar significa abdicare al proprio ruolo di sindaco, se domani un prefetto mi dira’ ‘ti mando nuovi richiedenti asilo’, io mi metto con i camion davanti alla struttura, la pazienza e’ finita, non possono pochi sindaci farsi carico del problema. Non possono essere solo tre Comuni in Provincia di Imperia a farsi carico dell’accoglienza”.

“Non sono di principio contrario ad ospitare migranti in un Comune – spiega il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori – mi domando però se sembra logico al Ministero dell’Interno mandare a da noi dei migranti. Ci sarebbero delle ovvie ricadute negative sull’economia della città, basata sul turismo”. Cittadina, quella capoluogo del golfo dianese, che secondo i calcoli del Ministero, in quanto superiore ai 5000 abitanti dovrebbe ospitare circa 30 migranti dei 6043 assegnati alla Liguria. “Oltretutto il Comune non ha strutture a disposizione per ospitarli – dice ancora Chiappori, che aggiunge – e io non andrò certo dai privati per chiedergliele, sarà un compito che lascio volentieri al Ministero”.

Anche il presidente della provincia di Imperia e sindaco di Cesio Fabio Natta era presente alla riunione e ha affermato: “Mi sono astenuto perchè sul tema non c’è condivisione sul territorio e perchè auspico che ci sia una miglior ridistribuzione più equa come richiesto anche dai sindaci.”

(Foto Anci Twitter)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.