Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, ultimi biglietti disponibili per la Banda Osiris e il loro “Il maschio inutile” foto

Venerdì 13 gennaio vi sarà l'atteso ritorno del quartetto di musica comica sul palco di "Ventimiglia a Teatro"

Ventimiglia. Dopo il sold-out della scorsa stagione, ecco a grande richiesta la Banda Osiris nuovamente sul palco del Teatro di Ventimiglia, venerdì 13 gennaio, alle ore 21.00, con lo spettacolo “Il maschio inutile”.

Per chi non intende mancare, restano gli ultimi posti in platea e ancora poche disponibilità in galleria (per informazioni e prenotazioni: tel. 0184.6183225 – dal lunedì al venerdì, dalle h 9.00 alle h 13.00).

Il noto quartetto di musica comica, insieme al narratore di storie, Federico Taddia, e allo scienziato dell’evoluzione, Telmo Pievani, ci accompagneranno in un viaggio divertentissimo attraverso i gironi infernali della mascolinità.

Che cosa significa essere maschi oggi? La condizione femminile è da tempo sotto i riflettori, ma pochi parlano della crisi mondiale del maschio. Antiche certezze si vanno sgretolando. Ne “Il maschio inutile” i quattro uomini della Banda Osiris decidono di costituire un gruppo di auto-aiuto. E’ una terapia d’urto, una catarsi. Ecco allora che emerge la domanda fatidica: perché nonostante tutto i maschi sopravvivono?

Nella parte finale del loro viaggio, i quattro maschi anonimi scopriranno il segreto scientifico della loro esistenza, che qui non possiamo anticipare. Il futuro sta tutto nella diversità e la categoria maschile sarà forse salvata proprio da quei maschi strambi e sorprendenti, un po’ assurdi e teneramente umani, raccontati da Federico. Essere imperfetti tutto sommato non è così male, la perfezione è noiosissima. La natura ci sta dicendo che “il” maschio non esiste nemmeno. Esistono i maschi, e non ce n’è uno uguale a un altro.

Linguaggi differenti come la musica, le storie (tutte vere), la comicità, la scienza, la satira sociale, conditi da una forte dose di auto-ironia, per la prima volta insieme per raccontare l’evoluzione del sesso e le sue stranezze.

Cresce l’attesa anche per “Pitecus”, spettacolo cult in programma domenica 5 febbraio, che segna un altro celebre ritorno a Ventimiglia dopo vent’anni: quello del genio assoluto di RezzaMastrella e dell’ universo scombiccherato dei suoi tanti tipi umani, “scoperti”, squarcio dopo squarcio, finestra dopo finestra, nei colorati quadri di scena di Flavia Mastrella.

Biglietti:

Platea: Intero 20,00€ / Ridotto (Under 18 e Over 65) 15,00€

Galleria: Intero 15,00€ / Ridotto (Under 18 e Over 65) 12,00€ / Studenti 10,00€

I biglietti possono inoltre essere prenotati o acquistati e ritirati direttamente presso l’Ufficio Manifestazioni del Comune di Ventimiglia (3° piano del Palazzo ex-Tribunale di Piazza XX Settembre n.2) nei seguenti giorni ed orari: Lunedì – Mercoledì – Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Il giorno dello spettacolo, dalle ore 20.00, sarà possibile acquistare i biglietti ancora disponibili direttamente presso il botteghino del Teatro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.