Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lavoro, riunione tra CSIR Liguria-PACA e Pole Emploi del Dipartimento delle Alpi Marittime a Mentone

Per assumere informazioni da usare per l'analisi degli sbocchi occupazionali dei residenti nelle zone di confine franco-italiane

Ventimiglia. Nella mattinata del 20 gennaio, presso il Pole Emploi di Mentone (corrispondente al nostro Centro per l’impiego), i componenti del CSIR Liguria-PACA (Consiglio Sindacale Interregionale) hanno incontrato i rappresentanti del Pole Emploi del Dipartimento delle Alpi Marittime (Mentone e Nizza)

Erano presenti per i sindacati italiani e francesi: Claudio Bosio per CISL, Enrico Torelli, Rita Guglielmetti e Domenico Casile per la CGIL, Italo Castelli per la UIL Frontalieri e Charles Pellottieri per sindacato francese CFDT; per gli uffici francesi: il direttore ed il suo aggiunto del Pole Emploi di Nizza la sig.ra Ghislaine Ellena e sig.ra Helene Blanc oltre al direttore del Pole Emploi di Mentone sig. Gildas Brieau.

Tale incontro, richiesto dai Sindacati italiani e francesi, aveva lo scopo di assumere informazioni sul mercato del lavoro della Regione PACA da utilizzare, prevalentemente, per l’analisi degli sbocchi occupazionali dei residenti nelle zone di confine franco-italiane.

Nel merito la direttrice del Pole Emploi di Nizza, anche a nome dell’Ufficio di Mentone, ha svolto una esauriente analisi della situazione occupazionale del Distretto, facendo alcuni accenni anche al mercato del lavoro monegasco e fornendo, tra l’altro, alcuni dati che illustrano come anche in Francia la crisi desta preoccupazione: presso i loro uffici sono giacenti 62.000 istanze di impiego e la disoccupazione ammonta al 10% con riferimento all’intero Dipartimento.

L’unico mercato ancora aperto, riferisce, rimane quello monegasco che, all’attualità, occupa circa 36.000 cittadini residenti in Francia (di questi circa 2.500 di nazionalità italiana residenti in Francia) e circa 1.500 frontalieri italiani hanno trovato lavoro in Francia.

Per quanto riguarda la ricerca delle opportunità lavorative la direttrice Ellena ha riferito che i canali che più spesso vengono utilizzati per la ricerca dell’impiego sono, nell’ordine: le conoscenze personali, internet e il Pole Emploi.

E’ stato richiesto ai responsabili dei servizi transalpini se potevano fornire delle proiezioni, a medio e lungo termine, in merito alle professionalità carenti nel loro mercato del lavoro e ciò al fine di suggerire alle nostre autorità di attivare corsi di formazione ad hoc. Nel merito ci è stato riferito che i servizi francesi rilevano dati solo a breve termine (max 6 mesi).

Al termine del proficuo incontro si é concordato di istituzionalizzare tali appuntamenti con cadenza trimestrale e che gli stessi non costituiscono che un primo passo per mettere a sistema le risorse delle regioni di confine in un’ottica europea cui il CSIR cercherà di fornire una costante informazione.

Gli uffici transalpini sono a disposizione, oltre che tramite accessi diretti, anche per via telematica accedendo ai seguenti siti internet: www.emploi-store.fr e www.pole-emploi.fr.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.