Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“La ragione a volte non basta”: i ragazzi del liceo classico promuovono il loro stile di apprendimento fotogallery

A Villa Magnolie, il Liceo ha partecipato all’evento nazionale “La notte del Liceo Classico” proponendo numerosi laboratori culturali realizzati ed organizzati dagli stessi studenti

Sanremo. “Il classico è ancora vivo!” Questa è la realtà che i ragazzi del Liceo Classico G.D. Cassini di Sanremo hanno voluto portare alla cittadinanza; il classico è la scuola capace di insegnare ad usare le radici della cultura per crescere e maturare diventando, un giorno, esseri umani completi.

Per questo motivo ieri sera, in Villa Magnolie, il Liceo ha partecipato all’evento nazionale “La notte del Liceo Classico” proponendo numerosi laboratori culturali realizzati ed organizzati dagli stessi studenti.
L’evento si è aperto con un concerto di brani inediti composti ed eseguiti da Lorenzo Trabucco, Zelda Moreno e Caterina d’Angelo alla voce, Marko Kurtinovic alla chitarra, Marta Rodino alla pianola, Simone De Moro come voce narrante, alla console Lorenzo Ruffo e Lorenzo Ansaldi al violino. Il filo conduttore dei tre brani proposti è stato il processo e la morte di Socrate, celebre filosofo della Grecia antica.

Giungendo ai diversi piani i numerosi spettatori, scortati dai ragazzi della classe prima, sono stati condotti nelle diverse aule in cui i “classicisti” aspettavano di dimostrare i valori appresi durante gli anni a scuola.
La classe 2°A ha voluto dimostrare come il liceo classico, una scuola considerata da molti lontana dal mondo di oggi, sia invece di estrema attualità: insegna a ragionare e apre la mente, facilitando anche lo sviluppo delle capacità scientifiche. Questo si ricollega alla tematica affrontata dalla classe 5° è stata in grado di collegare la filosofia antica con la fisica moderna e semplici esperimenti di chimica all’universo umanistico.

Con la classe 4°A i presenti sono stati trasportati in un viaggio all’interno della tragedia alla scoperta della modernità che il passato sa offrire nella sua capacità di dimostrare quanto l’uomo in realtà non sia mai cambiato e di come le problematiche di allora siano le stesse di oggi. Le classi terze, invece, hanno collaborato per dare vita ad alcune opere teatrali del commediografo latino Plauto, molto gradite dal pubblico di futuri alunni e genitori, mostrando che la comicità accomuna tutte le epoche.

Un’altra caratteristica delle abilità acquisibili durante i cinque anni al Liceo è stata presentata dai ragazzi di 5° e di 2°B che hanno messo in pratica le loro conoscenze in ambito letterario deliziando i presenti con un acceso dialogo di natura letteraria riguardante le riflessioni personali su taluni libri o generi letterari e con alcuni giochi che hanno coinvolto le diverse squadre in un excursus dentro alla storia dei classici.

Gli attori della classe 4B si sono cimentati in una rappresentazione particolarmente apprezzata in cui Calvino e la sua maestria nell’uso dei tarocchi e l’ironia dello scrittore inglese Jonathan Swift si sono uniti insieme per porre questa domanda “La ragione è sufficiente o a volte non basta?”. In questo modo i ragazzi sono stati in grado di portare ai presenti la loro riflessione su questa realtà umana.

La serata è stata ancora arricchita dalla partecipazione di personaggi esterni alla scuola come Mariano Dapor, primo violoncello dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo, che ha presentato “Riflessioni letterarie in musica” e Claudio Nardo che ha proposto “…Se una notte d’inverno un lettore…”, incantando i presenti con riflessioni su moltissimi temi prendendo spunto dai romanzi di scrittori come Pennac.

Vi lasciamo in attesa di aggiornamenti riguardanti la giornata del 14 gennaio in cui la scuola aprirà nuovamente le proprie porte per accogliere le future generazioni di “classicisti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.