Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giardini Toscanini, il grido d’allarme degli imperiesi: “Il 2017 sarà l’anno della svolta?”

Spazio abbandonato e oggetto di forti lamentele, ma i cittadini sperano che l'amministrazione possa correre ai ripari

Imperia. Da sempre rappresenta una spina nel fianco delle amministrazioni che si sono succedute a palazzo. I giardini Toscanini, nel cuore di Oneglia, sono l’immagine triste della città e periodicamente le lamentele sull’argomento si sprecano. Ma l’oggetto è sempre lo stesso: degrado, condizioni igieniche deprecabili e bivacchi.

In questi giorni dagli imperiesi è arrivato un appello e una speranza.  “I giardini Toscanini sono diventati una fogna a cielo aperto nel cuore della città. Una puzza insopportabile, condizioni igieniche deprecabili, bivacchi, e tanto altro – spiega una di loro che è passata da quelle parti pochi giorni fa.

Ma c’è anche una luce di speranza in questa fotografia buia scattata per l’ennesima volta a pochi passi dal centro cittadino. “Mi auguro che qualcuno prenda seriamente di petto la situazione di degrado che caratterizza da tempo la nostra città. Sono convinta che alla sporcizia visibile da tutti, corrisponda altrettanta sporcizia nella coscienza di chi dovrebbe gestire la cosa pubblica invece non lo fa. Che questo 2017 possa essere un anno di svolta, di rinascita. È una città che non merita tutto questo. E nemmeno i suoi cittadini, che pagano le tasse regolarmente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.