Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Educazione cinofila, perché il cane mi salta addosso quando torno a casa?

E' come una via di fuga, crescendo diventa uno di quei comportamenti che attuano quando cercano un modo per scaricare lo stress

Più informazioni su

Perché il cane mi salta addosso quando torno a casa? Partiamo dall’osservazione dello stato d’animo del cane quando compie questa azione. Osserviamo ora anche il nostro stato d’animo.

Il cane entra in risonanza con noi, percepisce e sente il nostro stato d’animo e questo può influenzarlo nelle diverse occasioni. Possiamo essere una guida e un punto di riferimento per ogni avventura quotidiana, come possiamo diventare complici di una escalation emozionale. Ne siamo consapevoli?

Ad esempio, prendiamo la classica situazione del rientro a casa dopo un periodo lungo X tempo lontani. A seconda del carattere sviluppato da ogni cane, ci sarà chi è felice ad aspettarvi magari sul divano svegliato dai rumori poiché stava dormendo, chi vi correrà incontro scodinzolando ampiamente e in modo tranquillo e chi vi correrà incontro saltellando pazzamente e/o uggiolando di gioia, con guaiti di un’ampiezza vocale anch’essa varia ed unica per ogni cane e lo stato di eccitazione.

Poi c’è anche chi vi salta addosso, magari cercando di arrivare a leccarvi il viso, chi uggiolando, chi abbaiando, chi correndo avanti e indietro dopo un salto, chi non riuscendo a contenere l’emozione fa i bisogni (di solito la pipì) proprio in quel momento. E noi cosa stiamo facendo? Osserviamo il nostro stato d’animo e i nostri comportamenti. Saltare addosso è un comportamento che hanno appreso da noi, rinforzato quando erano cuccioli e si arrampicavano sulle nostre gambe per arrivare più vicini al nostro viso o per attirare in genere la nostra attenzione o del cibo.

Questa è una cosa che alcuni fanno, ognuno con il proprio stile e grado di delicatezza: ci guardano negli occhi pieni di amore, socchiusi, proprio per farsi piccoli e teneri e attuano un comportamento rinforzato di quando erano cuccioli, nelle occasioni in cui si arrampicavano sulle nostre gambe per ottenere attenzione. Questo comportamento è stato associato alla sequenza “salgo su di loro-mi coccolano”, le coccole e le attenzioni sono state un premio e un rinforzo.

Da giovani iniziano le prime fasi di test, come gli adolescenti, si misurano, vedono fin dove possono spingersi: chi sono i loro proprietari, quali responsabilità si sente addosso, quale grado di auto controllo ha per le varie situazioni. Il saltare addosso è come una via di fuga, crescendo diventa uno di quei comportamenti che attuano quando cercano un modo per scaricare lo stress, rimbalzando come una molla su di noi trovano come “una messa a terra”.

Nel caso di un conflitto, percepito o meno dal proprietario o dalla persona che ha a che fare con il cane, il saltare addosso rappresenta un messaggio che conferma lo scontro in atto a livello psicologico e lo stato di stress che il cane sta vivendo in quel momento. Quindi cosa possiamo fare?

Manteniamo uno stato il più possibile vicino alla calma, salutiamo il nostro amico a quattro zampe vocalmente “Ehi..ciao, sono tornato…tutto bene!” senza contatto fisico e procediamo normalmente secondo le nostre abitudini domestiche. Appena il cane dimostra di essersi calmato (es. non ci salta più addosso, si siede tranquillo e ci guarda o si sdraia sulla sua cuccia), possiamo andare da lui e coccolarlo rinforzando il suo attuale stato di calma. Se invece il cane dovesse saltarci addosso, la cosa migliore è mandarlo in fallimento, schivandolo. Appena il cane andrà a vuoto e appoggerà le quattro zampe a terra ci complimenteremo con lui con un semplice “bravo” usando un tono tranquillo.

Osservare i comportamenti del nostro cane durante la giornata e farci delle domande sul perché di questi comportamenti, ci permette di capirlo entrando in connessione con il suo mondo.

Dottoressa Marzia Massocco
http://evoluzionecinofila.blogspot.com
evoluzionecinofila@gmail.com
https://m.facebook.com/maluevoluzionecinofila

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.