Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bus-navetta by pass per la frana di Monesi, ora c’è una lettera per le istituzioni

Una richiesta di accesso in questo territorio diviso tra nazioni, regioni, province, parchi e comuni al quale tutti sono molto legati

Mendatica. Una lettera da indirizzare alle istituzioni per l’avvio dei bus navetta del weekend per bypassare la frana di Monesi è stata predisposta di promotori di questa iniziativa che ha raccolto in pochi giorni una settantina di adesioni.

Sarà indirizzata alla Regione Liguria, Regione Piemonte, al Prefetto di Imperia, al Prefetto di Cuneo, al Comune di Mendatica, al Comune di Triora, al Comune di Briga Alta, al Comune di Pieve di Teco, al Comune di Imperia, al Comune di Sanremo, al Comune di Alassio e Albenga, alle Province di Imperia e di Cuneo.

Ecco il testo
I sottoscritti cittadini italiani chiedono alle Istituzioni elencate in indirizzo di consorziarsi urgentemente per istituire un servizio provvisorio di navette con conducente alle due estremità della strada provinciale ligure franata per circa 500 metri nella frazione di Monesi del Comune ligure di Mendatica evacuata il 24/11/2016, onde per poter accedere alla adiacente località di Monesi, frazione ligure del Comune di Triora rimasta isolata anche da un’ altra frana che tutt’ora incombe sull’adiacente frazione di Piaggia del Comune piemontese di Briga Alta.
LA STAZIONE SCIISTICA
La frazione di Monesi del Comune ligure di Triora è sede dal 1954 dell’unica importante stazione sciistica ligure delle Alpi Marittime che è stata il motore turistico invernale ed estivo dell’ intera valle Arroscia nonché un valore aggiunto per la Riviera essendo rinomata all’estero quale punto di arrivo e di partenza di percorsi di eccellente interesse naturalistico tra cui l’Alta Via delle Alpi recentemente restaurata e monitorata con un accordo internazionale del 2016 tra Italia e Francia.
L’ALLUVIONE DEL 24/11/2016
L’immensa quantità di pioggia rovesciatasi nella penultima settimana di novembre 2016 in questa località, dalla quale scaturisce il Tanaro, ha provocato voragini ed esondazioni imprevedibili anche a Ormea, Garessio e Ceva. Inoltre nel bacino di Monesi oltre alle strade e alle case sono crollati anche per centinaia di metri gli argini del Tana, del Bavera fino alla nuda roccia e del Tanarello.
L’EVACUAZIONE E LE DUE FRANE
I Sindaci dei Comuni di Mendatica e di Briga Alta sono stati costretti a far evacuare la popolazione dalle dette frazioni di Piaggia (CN) e di Monesi (IM) e impedire l’accesso solo a quest’ultima a partire dalla località San Bernardo di Mendatica, chiudendo in una enclave la frazione di Monesi di Triora in attesa del ripristino delle comunicazioni viarie che sono già state eseguite dalla parte Piemontese (normalmente chiusa e non sgombrata dalla neve nel periodo invernale), ma non a Monesi di Mendatica dove è franata l’intera circonvallazione Provinciale e non si sa se e quando potrà essere ricostruita.
LA BUROCRAZIA
In tale situazione di momentanea inerzia, le procedure burocratiche legano le mani ai rappresentanti delle istituzioni locali per poter ristabilire in breve tempo i collegamenti viari con grave disagio sociale e danno economico per questo comprensorio che è stato oggetto di importanti investimenti anche europei.
IL PROGETTO BYPASS CON BUS-NAVETTE
Pertanto i sottoscritti cittadini, chiedono che venga istituito con urgenza un servizio di bus-navette provvisorio di pubblica utilità con un bus-navetta a partire dallo sbarramento di San Bernardo di Mendatica (dove è possibile sostare con le auto private) fino a pochi metri prima dal semidistrutto piazzale di Monesi di Mendatica.
Da qui i viaggiatori potranno continuare a piedi, lungo un tracciato sicuro e pianeggiante (facilmente sgombrabile con un turboneve) già individuato dai Vigili del Fuoco che inizia da via della Chiesa, risale per qualche decina di metri lungo la stradina che porta alle ville del Sig. De Michelis e del sig. Pelassa al prato di Bacì d’i Stecchi e prosegue fino alla Villa del sig. Bovero dove si può discendere sulla via provinciale rimasta indenne, bypassando la parte franata che arriva fino al sottostante bivio per Piaggia.
Da qui un altro bus-navetta porterà i viandanti sul piazzale di Monesi di Triora (IM) e a Piaggia(CN).
L’orario del servizio pubblico di bus-navette potrà essere stabilito almeno nei Week-end su richiesta contribuendo con un biglietto a prezzo politico alla continuità turistica e sciistica di Monesi.
L’AUSPICIO
Con l’occasione i sottoscritti auspicano, che le Istituzioni in indirizzo nel venire incontro a questa nostra richiesta di accesso in questo territorio diviso tra nazioni, regioni, province, parchi e comuni, vogliano dargli almeno una unicità operativa che possa dare una speranza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.