Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aumento delle tariffe sovraregionali di Trenitalia, Assoutenti: “Invitiamo a conservare tutti gli abbonamenti”

Assoutenti incontrerà l'impresa ferroviaria per arrivare ad una soluzione concordata da proporre per l'esecutività alla Conferenza delle Regioni

Liguria. Oggi sono aumentate le tariffe degli abbonamenti sovraregionali.

Alcuni esempi:
Genova >< Milano: da 157,40 a 159,10 euro

Genova >< Torino: da 157,40 a 159,10 euro

Genova >< Pisa: da 147,80 a 157,50 euro

Milano >< Torino: da 157,40 a 159,10 euro.

Quattro anni fa Assoutenti e numerosi Comitati Pendolari federati, rappresentativi di migliaia di abbonati sovraregionali italiani, avviarono una campagna di sensibilizzazione della Conferenza degli Assessori Regionali ai Trasporti e di Trenitalia, finalizzata al superamento della distorsione tariffaria insita nell’attuale meccanismo di calcolo, attraverso una rimodulazione dello stesso che tenesse nel giusto conto la progressione dell’abbattimento tariffario inversamente proporzionale ai km percorsi.

Dati alla mano, infatti, si evince che le tariffe sovraregionali applicate grazie all’algoritmo fallace siano più alte fra il 13 e il 20% rispetto alla più alta tariffa regionale interessata (mentre il gap fra le attuali tariffe sovraregionali e quelle calcolate con un algoritmo corretto sfonda il 33%).

Assoutenti e i Comitati Pendolari federati, quindi, già all’epoca proposero a Trenitalia e alle Regioni un percorso finalizzato al superamento della controversia. In attesa che venisse prodotto un nuovo algoritmo di calcolo, gli abbonamenti sovraregionali avrebbero dovuto essere tariffati con la tariffa più alta fra quelle che interessano una singola tratta. Questo meccanismo, seppur comunque penalizzante per gli abbonati, avrebbe assicurato loro un risparmio fra il 13 e il 20%.

Poco meno di 2 anni fa Trenitalia è arrivata finalmente ad ammettere la distorsione e a proporre un’intesa ad Assoutenti che prevedeva:

· Un nuovo algoritmo di calcolo corretto
· La riduzione di tutti gli abbonamenti alla corretta tariffa
· Il blocco delle tariffe di corsa singola per 3 anni

L’applicazione di tale accordo, però, era vincolata alla sua accettazione da parte della Conferenza delle Regioni; va sottolineato che in caso di revisione tariffaria le regioni si ritroverebbero a dover impiegare più risorse economiche. Ecco chiarito, pertanto, il motivo per cui da un lato le Regioni abbiano continuato a tergiversare in merito all’accordo (pur riconoscendo la fondatezza della richiesta Assoutenti e riconoscendo soprattutto la distorsione tariffaria a danno dei viaggiatori) e Trenitalia, dal canto suo, dichiari di avere le mani legate.

Premesso ciò, Assoutenti presto incontrerà Trenitalia per discutere un nuovo accordo da far approvare entro febbraio alla Conferenza delle Regioni.

“Non sappiamo come andrà a finire, gli scenari sono 2:

· Ratifica accordo con la revisione dell’algoritmo di calcolo.
· Nessun accordo e start-up di una procedura risarcitoria.

Noi vi terremo informati, ma fin d’ora invitiamo tutti gli abbonati sovraregionali a conservare tutti gli abbonamenti dal 2007 ad oggi e iscriversi al Registro dei Risarcimenti (vi invieremo link apposito per accedere) nel caso sfumi ogni soluzione concordata e si aderisca all’azione risarcitoria promossa da Assoutenti.

Una battaglia per la giustizia e per l’equità che continua e che non ci vedrà mai mollare” - afferma Assoutenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.