Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Agricoltura, Mai: “Nessun caso in Liguria, ma teniamo alta la guardia sul pericolo Xylella”

1 milione di euro per il progetto proxy su linee guida di prevenzione sul territorio

Genova. “Possiamo dire con certezza scientifica che in Liguria non è stato mai registrato alcun caso di xylella multiplex, la sottospecie del batterio più conosciuto per aver interessato vaste aree di uliveti in Puglia e che colpisce anche fiori e piante, per un totale di circa 150 specie vegetali potenzialmente esposte al pericolo di questa fitopatia. Tuttavia come Regione Liguria teniamo alta la guardia: abbiamo attivato controlli da parte del settore fitosanitario regionale con circa 1.100 verifiche visive e di laboratorio nella zona cuscinetto, tra Ventimiglia e Olivetta San Michele, prevista per legge nel raggio di 10 chilometri dal ritrovamento del focolaio in territorio francese”.

Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai, rispondendo in consiglio regionale a un’interrogazione in merito al rischio di propagazione del batterio della xylella multiplex fastidiosa dalla confinante Francia alla Liguria.

“Oltre alle misure attivate fino a oggi per il monitoraggio – ha spiegato l’assessore Mai – abbiamo anche presentato progetto Proxy transfrontaliero Alcotra Italia-Francia per cui abbiamo richiesto 1 milione di euro, di cui 600mila euro per la Regione Liguria, per l’adozione di linee guida su prevenzione e informazione sul territorio. A oggi, infatti, l’unica arma a disposizione per evitare la propagazione di questa fitopatia è il controllo preventivo, ma ancora non è stato individuato un metodo efficace di contrasto del batterio”.

“A tutela delle imprese agricole e florovivaistiche liguri, attive nella fascia di sicurezza della zona cuscinetto, dopo aver effettuato i controlli necessari – ha concluso – abbiamo proceduto al rilascio di 500 passaporti verdi di ‘xylella free’ in modo che non subiscano infondati contraccolpi negativi nella commercializzazione delle proprie produzioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.