Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Referendum, il ministro Boschi ad Alassio: “Meno burocrazia per velocizzare il futuro del paese”

Ad ascoltare il ministro c'era anche il presidente della Provincia Fabio Natta

Alassio. “Meno burocrazia per velocizzare il futuro del paese”. Un ministro ad Alassio per convincere l’elettorato a votare sì. Nella Baia del Sole è sbarcata Maria Elena Boschi per chiudere la campagna referendaria in programma domenica prossima. L’hanno voluta i sindaci, ma soprattutto i semplici cittadini.

“Sono qui e stasera chiuderò a Firenze. Sono stati mesi impegnativi, ma abbiamo spiegato agli italiani il futuro del paese. Molti si sono dati da fare nella raccolta delle firme Alle donne e agli uomini va il mio ringraziamento perché si sono impegnati nella raccolta delle firme. Ora ci aspetta una partita più difficile quella di domenica. Abbiamo bisogno di voi e di tutti perché molti non hanno neppure letto il quesito o la scheda che non ha simboli del partito. In quella scheda c’è il futuro dei prossimi trent’anni. Deve essere una scelta responsabile ed è a quello che dobbiamo pensare”.

Maria Elena Boschi ha sviscerato poi i motivi del sì: “Non vogliamo complicare le cose ma abbiamo bisogno di un meccanismo più semplice e semplificare il rapporto tra Stato e Regioni. Non possiamo andare avanti tra corsi e ricorsi. Non è possibile continuare a pensare a bloccare tutto. Dobbiamo semplificare le cose e noi lo possiamo fare domenica. C’è molta confusione, troppa, anche per lo sviluppo del Paese. Noi abbiamo bisogno di velocizzare il sistema”.

Secondo il ministro Boschi “il Paese può crescere e mettere la parola fine ad una continua instabilità. Cambiamo insieme e lavoriamo per una Italia piú giusta”. La Boschi ha invitato a scorrere la rubrica telefonica e quindi di mandare più Sms possibili per convincere tutti a votare sì. “La tariffa non cambia”.

Ma il primo a prendere la parola in una sala polivalente Don Bosco gremita è stato l’onorevole Franco Vazio: “Siamo alla fine della corsa e mai come in questi giorni siamo riusciti a spiegare i fondamenti della Costituzione. E se la Boschi è qui è perchè fa una politica diversa non urlata ma concreta”. A fare gli onori di casa è stato Alessandro Scarpati del Comitato per il “sì”. Ad ascoltare la Boschi c’erano i sindaci Oddo, Briano, Niero, il presidente della Provincia di Imperia Natta della direziome nazionale del Psi, il sindaco Ioculano, il consigliere regionale De Vincenzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.