Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Via al raddoppio ferroviario, ora viaggiare da ponente a Genova sarà più veloce foto

Treni più veloci e riduzione dei tempi di percorrenza; a vigilare ci sarà il Comitato utenti Trenitalia del ponente

Imperia. La data dell’11 dicembre è storica. Dopo 12 anni di progettazioni e interventi, finalmente, in 19 chilometri tra San Lorenzo al Mare e Andora, si viaggerà su un doppio binario e più a monte rispetto alla vecchia linea costiera. Tre le nuove fermate realizzate: Andora, Imperia-Castelvecchio e Diano San Pietro.

Il tracciato viene inaugrato in concomitanza con il nuovo orario invernale entrato in vigore proprio oggi. Con il raddoppio fra Andora e San Lorenzo i tempi di percorrenza tra Genova e Ventimiglia saranno ridotti di 10/15 minuti. Inoltre, grazie anche all’eliminazione dei passaggi a livello, sarà incrementata la capacità di traffico della linea con un miglioramento anche di puntualità.

Con il completamento del raddoppio fra Genova e Venimiglia e una velocità commerciale fino a 200 km/h si avrà una riduzione dei tempi di viaggio fra le due città di circa mezz’ora e l’offerta di traffico potrà essere più che raddoppiata. “Sul Ponente – hanno precisato i vertici di Trenitalia e Regione Liguria – è prevista una maggiore frequenza di treni proprio grazie all’attivazione del miglioramento infrastrutturale”.

raddoppio fs

Il raddoppio della tratta Andora-San Lorenzo a Mare si configura come estensione del raddoppio del tratto San Lorenzo a Mare-Ospedaletti, dell’estensione di circa 24 km, attivato nel 2001. Si sviluppa in variante per circa 19 Km, di cui circa 16 Km in galleria (in totale 10, le quattro più lunghe (per 12,4 km circa) sono state realizzate con scavo meccanizzato con fresa TBM (Tunnel Boring Machine) e le rimanenti sei (per 3,8 km circa) con tecnica tradizionale). La galleria più lunga è la Collecervo-San Simone (3,4 km). Sono stati realizzati 6 viadotti, di cui il più importante è il viadotto Impero (620 metri), sul quale è stata realizzata la stazione di Imperia, dotata di 4 binari e due marciapiedi.

Ora resta da sciogliere l’altro nodo, quello relativo al raddoppio tra Andora e Finale Ligure per 31,4 km di cui 25 km in galleria, completamente in variante rispetto al tracciato attualmente in esercizio. Nell’ambito del progetto è compresa anche la realizzazione della nuova stazione di Albenga e delle fermate di Alassio, Borghetto – Ceriale – Loano e Pietra Ligure. In questo caso però, rispetto al tratto appena inaugurato, si preannunciano piuttosto lunghi e incerti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.