Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltempo, riaperte le strade dell’entroterra chiuse per frane: i dettagli

Da oggi la vita per tutti sarà un po' meno complicata

Imperia. Ordinanza di riapertura delle strade dell’entroterra chiuse per frane a causa del maltempo: l’ha emessa oggi la Provincia di Imperia.
La perturbazione che il 24 novembre scorso ha colpito pesantemente l’imperiese e, in modo particolare, la valle Arroscia, ha messo in ginocchio i paesini dell’entroterra, rimasti isolati a causa di frane e smottamenti. Molti i residenti rimasti “imprigionati” nelle loro abitazioni, senza avere la possibilità di recarsi al lavoro o a scuola nelle città costiere.

Da oggi la vita per tutti sarà un po’ meno complicata: nonostante le limitazioni di orario e di portata, le strade verranno riaperte, tutte. Chi ha diritto al voto, inoltre, potrà recarsi agevolmente ai seggi domenica 4 dicembre per esprimere la propria opinione sul referendum costituzionale.

Nel dettaglio: riaperta la strada provinciale 17 per Rezzo, comune rimasto isolato per una gigantesca frana scesa nella frazione di Lavina. Oggi e domani la strada sarà aperta con interruzione dalle 6.30 alle 8.30; dalle 12.30 alle 13.30; dalle 18.30 alle 20.30. A partire da domenica, invece, sarà percorribile in qualsiasi ora del giorno e della notte.

Strada provinciale 6 per Armo: riaperta ma con limitazioni a tempo indeterminato per i mezzi pesanti e per le ore notturne. Dalle 18,00 in poi, infatti, la strada verrà chiusa e riaperta la mattina seguente.

Strada provinciale 63 Apricale-Baiardo: apre ma con traffico a senso unico alternato non regolato da semaforo.

Resta invece chiusa la strada per Caravonica, ma i collegamenti col paese sono garantiti dalla sp28. Limitazioni di traffico per i mezzi pesanti anche sulla sp25 per Conio. Chiusa anche la strada per Monesi, a San Bernardo di Mendatica, frazione ora disabitata dopo che, in seguito alla discesa di una paleofrana, l’abitato era stato evacuato.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.