Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In volo sull’elicottero della protezione civile sulla zona rossa di Monesi

Una settimana dopo l’alluvione la situazione nel Parco delle Alpi Liguri è critica

Mendatica. C’è una montagna intera che sta scivolando. Le strade e le case che si inclinano e si aprono. La situazione di Monesi, Piaggia, Valcona Soprana, Valcona Sottana, Secae e Salse, tutte località ben note agli imperiesi, molti dei quali hanno qui la seconda casa, è ancora critica.

riviera24 - monesi vista dall'alto dopo alluvione novembre 2016

Dopo le abbondanti piogge della settimana scorsa sono iniziati i sopralluoghi dall’alto. Dall’elicottero della protezione civile si capisce che il territorio è gravemente compromesso, non da una singola frana o più smottamenti sparsi, ma un cedimento complessivo di un versante di montagna, che porta con se’ strade e case. Per questo il sindaco Pelassa la settimana scorsa ha disposto l’evacuazione di tutti questi sei centri montani.

Un’evacuazione effettuata a piedi e con gli elicotteri. Gli unici modi rimasti per raggiungere queste località. In precedenza diversi smottamenti si erano verificati anche a Mendatica, dove una casa ha dovuto essere evacuata. La strada verso il paese rischia in ogni momento di non essere percorribile a causa di continue frane.

Tenerla aperta è una lotta fra le ruspe e la natura. L’accesso all’abitato di Mendatica non può essere garantito. La nuova centrale idroelettrica di Mendatica, messa in funzione all’inizio dell’anno è stata trascinata via dalla furia del Tanarello e non è rimasta traccia. La situazione peggiora di ora in ora e in paese la preoccupazione è forte anche per la presenza della frana paleolitica che ha già dato nuovi segni di spostamento proprio a causa delle ultime piogge.

Per quanto riguarda la viabilità, da Mendatica non è possibile raggiungere San Bernardo a causa di una frana in località Cian Prai; San Bernardo e Monesi sono raggiungibili solo per i mezzi di soccorso autorizzati dal Colle di Nava, via Boschetti, mentre le altre frazioni sono isolate ed è stato interdetto l’accesso e la permanenza a Monesi di Mendatica, Valcona Soprana, Valcona Sottana, Secae e Salse. Protezione civile e Polizia provinciale presidiano il territorio fermando chi cerca di addentarsi in quella che è ormai diventata una “zona rossa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.