Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, riuscito il meeting “Ci sono anch’io” all’Auditorium della Camera di Commercio

"La violenza assistita è un percorso giuridico in costruzione su cui il legislatore deve soffermarsi", questo quanto emerge dalle argomentazioni trattate ieri sera

Imperia. “Ci sono anch’ io” ieri sera all’Auditorium della Camera di Commercio di Imperia un parterre d’eccezione sul Palco di Palo Libera Tutti per il meeting organizzato assieme all’Assessorato Pari Opportunità del Comune di Imperia. Relatori d’eccezione e contenuti di grande qualità Giuridica e Sociale per raccontare la “ Violenza Assistita”.

Il procuratore capo di Imperia Dott.ssa Grazia Pradella ed il procuratore capo di Cuneo Dott.ssa Francesca Nanni si sono confrontate sul Palco dell’Auditorium della Camera di Commercio di Imperia offrendo considerazioni giuridiche, esperienza, spunti rilevanti circa il fenomeno della violenza assistita.

Al meeting si sono alternati relatori di altissimo livello dal Questore d’Imperia Dott. Leopoldo Laricchia, al vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti Dino Frambati, al Dott. Giancarlo Malombra psicologo, docente e giudice onorario presso Tribunale dei minori di Genova alla Dott.ssa Elvezia Benini psicoterapeuta, autrice di numerosi libri per bambini assieme al dott. Malombra e consigliera della fondazione Veronesi.

Non è mancata la preziosa presenza della signora prefetto Silvana Tizzano, del comandante provinciale dei carabinieri di Imperia, colonnello Rinaldo Ventriglia, del dirigente della Squadra Mobile della Questura di Imperia Dott. Lodeserto, il comandante del Nucleo Investigativo del comando provinciale carabinieri di Imperia Guido Quatrale. Tra gli ospiti anche la dottoressa Martina Gandolfo responsabile del centro antiviolenza di Imperia.

L’evento è stato moderato dall’avvocato Loredana Modaffari e dal presidente di Palo Libera Tutti Jackie Assunta De Luca B. anche Art Director del meeting. Ci sono stati momenti particolarmente suggestivi ed emozionanti legati agli effetti scenici proposti , ma anche legati agli artisti che hanno deciso di sostenere l’Associazione: Amanda Fagiani, Antonio Carli, Roberto Bani, Gaetano Adiletta.

“La violenza assistita è un percorso giuridico in costruzione su cui il legislatore deve soffermarsi”, questo quanto emerge dalle argomentazioni trattate ieri sera. Vi è una maggiore attenzione su un fenomeno che però tutt’oggi non è reato a se stante ma un’aggravante nel reato di maltrattamenti in famiglia. Importante la responsabilità civica laddove non ci sono vere e proprie denunce da parte della madre vittima di violenza; la segnalazione di un vicino di casa può far avviare delle procedure attraverso le quali tutelare madre e minori.

Toccante l’intervento d’apertura del presidente di Palo Libera Tutti e cioè la consapevolezza che la prima forma di rispetto una donna deve averlo verso se stessa e le altre donne rispettandosi vicendevolmente, evitando atteggiamenti agguerriti di competitività nel campo lavorativo e spesso affettivo; “ Non delegittimare il nostro ruolo e avere cura della nostra sessualità, delle nostre aspirazioni, desiderare l’unicità. Pretendere che il lavoro venga concesso per meritocrazia , così come protendere verso storie familiari vere, uniche e piene d’amore. Tagliare le situazioni che ci fanno stare male e ci indeboliscono con il coraggio che una donna sa avere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.