Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giampellegrini, Salvatore (M5S): “Nomina illegittima, Toti si arrampica sugli specchi”

La portavoce del MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria: "Pronti a rivolgerci all’Anac"

Liguria. Alice Salvatore, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria afferma: “In spregio ad ogni evidenza, Toti tira dritto per la sua strada e difende a spada tratta la nomina di Giampellegrini a Segretario generale. Che è e resta assolutamente illegittima, come abbiamo denunciato pubblicamente. Lo dice chiaramente l’articolo 24, comma 4, della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 59, che recita:

“Gli incarichi di Segretario generale e Direttore generale sono conferiti a dirigenti in possesso di diploma di laurea magistrale ai sensi dell’ordinamento vigente alla data di entrata in vigore della presente legge o di diploma di laurea ai sensi del previgente ordinamento, dotati di professionalità adeguata alle funzioni da svolgere, desumibile da esperienza almeno quinquennale in qualifiche dirigenziali nel settore pubblico o privato ovvero acquisita nell’esercizio di mansioni dirigenziali attribuite ai sensi dell’articolo 2 della l.r. 1/2006 e successive modificazioni ed integrazioni, purché, in quest’ultimo caso, al momento del conferimento dell’incarico possiedano la qualifica di dirigenti, da una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica derivante da formazione universitaria e postuniversitaria o da pubblicazioni scientifiche, da concrete esperienze di lavoro maturate nei settori della ricerca, dell’Università o delle libere professioni”.

Per diventare Segretario generale o Direttore generale, dunque, sino ad oggi occorre essere dirigenti. E l’esperienza maturata nella professione forense da parte di Giampellegrini serve solo a dimostrare l’adeguata professionalità rispetto alle funzioni da svolgere, in alternativa ai cinque anni di anzianità nella dirigenza, ma non alla qualifica, che l’avvocato massese non pare abbia mai ricoperto.

Toti avrebbe fatto più bella figura ad ammettere l’errore e rimediare. Invece, pur di non riconoscere di aver sbagliato, preferisce arrampicarsi sugli specchi e appellarsi ad altre norme, peraltro guardandosi bene dall’entrare nei dettagli. E, nel tentativo di mettere una pezza tardiva, adesso vuole sopprimere l’intero comma 4, pensando di rimediare al pasticcio. Ma, al momento della nomina di Giampellegrini (che naturalmente è già in carica), doveva essere applicata l’attuale norma e non la legge con la soppressione dei requisiti.

Sappia, il governatore, che il M5S non solo farà tutto ciò che può per impedire questa vergognosa “sanatoria”, ma, come già annunciato, sottoporrà la questione all’Autorità sull’Anticorruzione, affinché sia fatta piena luce e chiarezza su una nomina tanto illegittima quanto inopportuna”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.