Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dal 1 gennaio debutta il registro telematico per il vino, Fasolo: “Per preservare l’origine”

L’obiettivo è quello di consentire, in tempi brevissimi, il completo interscambio con le strutture di controllo

Imperia. Dal 1° gennaio prossimo i produttori di vino saranno tenuti ad osservare l’obbligo del registro di cantina telematico, con la possibilità di conformarsi fino al 30 aprile 2017.

“Questo provvedimento – spiega Antonio Fasolo, presidente provinciale della Coldiretti  – è stato pensato per preservare l’esportazione di vino, che, a onor del vero, è aumentato di anno in anno, grazie soprattutto all’impegno delle autorità nel combattere le frodi con il registro telematico antifrode, un nuovo vincolo si prospetta all’orizzonte. L’obiettivo è quello di consentire, in tempi brevissimi, il completo interscambio con le strutture di controllo e la semplificazione o automatizzazione dei procedimenti in cui vengono dichiarate la produzione e la lavorazione”.

Il registro delle cantine telematico dev’essere tenuto da tutte le persone fisiche e giuridiche e le associazioni che, per l’esercizio della loro attività professionale o per fini commerciali, detengono un prodotto vitivinicolo: i titolari di stabilimenti o depositi che eseguono operazioni per conto di terzi che devono effettuare le registrazioni nel proprio registro telematico, distintamente per ciascun committente, indicando i vasi vinari utilizzati; i titolari di stabilimenti di produzione o imbottigliamento dell’aceto che devono effettuare le registrazioni di carico e scarico e di imbottigliamento; i titolari di stabilimenti che elaborano bevande aromatizzate a base di vino che devono effettuare le registrazioni dei prodotti vitivinicoli introdotti e le successive utilizzazioni/lavorazioni.

Per la trasmissione delle operazioni di carico e scarico è possibile utilizzare sia il sistema online per la registrazione diretta delle operazioni che il sistema di interscambio di dati in modalità web-service. Tutti gli operatori si devono autenticare sul portale internet del Mipaaf con le proprie credenziali e procedere all’abbinamento del proprio Cuaa (Codice Univoco Azienda Agricola) con i codici Icqrf dei propri stabilimenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.