Cadavere ripescato nel porto di Imperia Oneglia fotogallery

E' stato un pescatore piemontese a segnalare un uomo che galleggiava in mare

Imperia. Il cadavere di un uomo è stato avvistato questa mattina all’alba da un pescatore piemontese in vacanza in riviera, nel bacino portuale di Calata Cuneo a Oneglia. L’uomo, vestito, galleggiava tra due maxi yacht, l’Axantha e il Parsifal III.

E’ stato lo stesso pescatore, Giuseppe Bolle, ad aver avvertito il 112. E’ arrivata una pattuglia dei carabinieri di Imperia e un’ambulanza della Croce d’Oro di Cervo.

Il cadavere è ancora nello specchio acqueo del porto onegliese proprio di fronte al cantiere dove viene sistemata la condotta della fognatura di Rivieracqua che collega Diano Marina al depuratore di Imperia.

Ad occuparsi del recupero della salma sono stati i militi della pubblica assistenza insieme alla capitaneria e ai vigili del fuoco che si sono calati a bordo di un gommone.

Ancora non è dato sapere se l’uomo sia scivolato in mare mentre camminava sulla banchina oppure se si sia trattato di un gesto volontario.