Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Triora si scommette sulla cultura, verrà inaugurato il Museo Etnostorico della Stregoneria foto

Sabato 10 dicembre 2016, alle ore 11

Triora. Sabato 10 dicembre 2016, alle ore 11, si inaugura il Museo Etnostorico della Stregoneria di Triora (MES), situato nello storico e centralissimo Palazzo Stella, recuperato e restaurato dopo i gravissimi danni della II Guerra Mondiale. Una doppia inaugurazione, che riporta alla luce un gioiello architettonico di Triora e insieme un’ importante cultura presente nel borgo: quella delle persone accusate di stregoneria diabolica e orribilmente torturate nei notissimi processi degli anni 1587-89.

Tutto questo è il risultato di una sfida raccolta da chi ha voluto, progettato e allestito questo Museo all’interno di Palazzo Stella: il Comune di Triora, promotore del costoso e laborioso progetto della nuova sede museale, la Regione Liguria, che lo ha finanziato e sostenuto, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio che ne ha seguito tutte le fasi di progettazione e allestimento, l’architetto Luca Dolmetta che ne ha ideato e curato gli interventi architettonici ed espositivi, il prof. Paolo Portone che ne ha tracciato l’itinerario culturale e i testi.

La prima fase di allestimento propone quattro significative sale, che si prefiggono di raccontare saperi e punti di riferimento di un mondo sempre più emarginato e perseguitato nell’Occidente medievale e moderno e giunto fino a noi attraverso una pesante stratificazione di stereotipi: dalla strega alla befana. Con la prima si entra subito nelle coordinate e negli strumenti operativi del ‘pensiero magico’, con la prestigiosa collezione esoterica “Pio Breddo”.

Nella seconda si materializzano, in forme artistiche, le immagini delle “Dee, spiriti e creature femminili” presenti nel pantheon archetipico delle accusate. Nella terza sala fragranze erboristiche ci guidano ad esplorare le competenze fitoterapiche delle “dominae herbarum”, mentre un pannello di passaggio ci introduce al grigiore della quarta sala, con l’invenzione della strega diabolica e il processo di Triora. Qui, testi antichi di esperti demonologi attestano un’evidente premeditazione nel colpire i ‘devianti’, mentre la voce di Franchetta Borelli, alias Laura Sicignano, ci coinvolge direttamente nelle torture per estorcere ‘confessioni’.

Già in questa prima fase di allestimento c’è una specifica attenzione ai bambini, accolti all’ingresso dal video della Scuola Primaria di Triora, e nelle sale sono collocate, in basso, riproduzioni di esclusivi acquerelli di Libereso Guglielmi e illustrazioni di Diana Fontana del volumetto “Le streghe assurde”.

E siamo solo all’inizio di un percorso destinato a proseguire in altre suggestive sale di Palazzo Stella, che ospiteranno anche una ricchissima Biblioteca e un Centro di Documentazione internazionali sui temi della stregoneria e della caccia alle streghe.

Il MES, come detto sopra è ospitato nel magnifico Palazzo Stella (già proprietà dei Marchesi Stella), che è stato oggetto di lunghi lavori di recupero. Il progetto è stato sviluppato in quattro lotti funzionali dal 2004. I primi due lotti, 2004-2009, ha riguardato interventi di risanamento e consolidamento delle strutture portanti, oltre che la realizzazione di pavimentazioni, recupero intonaci interni, opere di finitura.

Il terzo lotto, conclusosi nel 2014, ha portato alla realizzazione dell’impianto elettrico, idraulico e riscaldamento, nella sistemazione del locale caldaia, nel completamento dei bagni, nella posa di porte e vetrate oltre al completamento degli intonaci.

Il 4° ed ultimo lotto, cofinanziato dalla Regione Liguria, ha riguardato interventi di completamento dell’intervento di restauro finalizzati alla piena fruibilità pubblica dell’immobile (installazione ascensore ed elevatore, opere di tinteggiatura e velatura delle pareti, realizzazione dell’impianto antincendio e antifurto).

L’importo dei lavori dei 4 lotti ha ottenuto i seguenti finanziamenti:

QUADRO TECNICO ECONOMICO

2.661.246,99

FINANZIAMENTO
Fondi dello Stato (8 per mille)
1.201.637,00
45,15%

Fondi PAR FAS 2007/2013
638.078,40
23,97%

Fondi Regionali
393.455,95
14,78%

Contributo Fondazione CARIGE
200.000,00
7,51%

Contributo Suore Santa Marta
25.822,84
0,97%

Fondi Comunali
202.252,80
7,76%

TOTALE
2.661.246,99
100,00%

I professionisti che si sono avvicendati nella progettazione degli interventi edili sono stati:

Primo e secondo lotto: Arch. Mauro Richetti – Arch. Simonetta Barozzi – Arch. Francesco Chiuri – P.I. Sergio Ponzio – Ing. Giovanni Rolando – Ing. Stefano Negro.
Terzo Lotto: Arch. Mauro Richetti – Arch. Simonetta Barozzi –Ing. Carlo Zunino – Ing. Stefano Negro
Quarto lotto: Arch. Carla Del Mastro, Ing. Stefano Negro, Ing. Ferdinando Giordano, Ing. Simona Sismondini.

I lavori dei primi tre lotti sono stati realizzati dall’Impresa Edile geom. Lanteri Olimpio mentre quelli dell’ultimo lotto sono stati eseguiti dall’Impresa Glorio Costruzioni di Diano Marina.

 Infine i contenuti del nuovo M.E.S. sono stati curati dal prof. Paolo Portone di Roma, Direttore dell’associazione CIRE (Centro insubrico ricerche etnostoriche) ed una dei maggiori esperti nazionali di temi inerenti la stregoneria. Laureato in storia moderna con una tesi sulla caccia alle streghe nell’antica diocesi di Como, Paolo Portone è saggista, collaboratore di programmi radiotelevisivi ed è attualmente titolare dell’insegnamento di materie letterarie al Liceo Artistico di via Ripetta (Roma). Nel nuovo M.E.S. sono presenti filmati ed audio realizzati appositamente dal Teatro Cargo di Genova attraverso la sua direttrice Laura Sicignano.

Molto del materiale esposto è stato gentilmente messo a disposizione al Comune di Triora dall’Associazione Turistica Pro Triora che già cura e gestisce tramite il suo direttore Silvano Oddo. I contenuti sono stati controllati ed avvallati dal Comitato Scientifico appositamente creato per il M.E.S. composto da:

– Dott. Gianluca Spirito I Regione Liguria Settore Sport, Tempo Libero, Programmi Culturali e Spettacolo;
– Dott.ssa Francesca De Cupis (fino al 2015) -Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona;
– Arch. Roberto Leone – -Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona;
– Dott. Alfonso Sista (dal 2016) – -Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona;
– Dott.ssa Silvana Vernazza – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona;
– Geom. Cristian Alberti – Consigliere Comunale delegato del Comune di Triora.

Le opere di allestimento del nuovo M.E.S. (museo etnostorico della stregoneria) sono state realizzate dalle ditte Fallani, Gruppo Fotolito e Vianello Marcello di Venezia e Treviso. Sicuramente l’avvio della prima parte del nuovo M.E.S., soprattutto per la qualità progettuale e realizzativa e per la cura in ogni dettaglio dell’esposizione e racconto dei contenuti, consente di essere ottimisti nel futuro reperimento di nuove risorse necessarie a completare anche le altre sezioni aprendo definitivamente l’intero Palazzo Stella ai visitatori.

Occorre ringraziare e ricordare tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute in questi ultimi vent’anni circa ed in particolar modo i sindaci prof. Antonio Lanteri che acquistò l’immobile e diede l’impulso fondamentale oltre che l’avvio al primo lotto dei lavori, il suo successore prof. Lorenzo Lanteri oltre all’ex Sindaco geom. Marcello Lanza ed al Commissario Straordinario dott. Francesco Piano ed a tutti i funzionari e tecnici che si sono succeduti in questi anni e che hanno tutti lavorato coraggiosamente per portare a termine questo grande ed ambizioso progetto.
Quindi all’Associazione Pro Triora che ha collaborato intensamente per la realizzazione di questo progetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.