Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Sanremo Francesco Fadigati presenta il libro “Da questi luoghi Bui”

Venerdì 2 dicembre, alle ore 16.30, al Teatro dell’Opera del Casinò

Sanremo. In collaborazione con i “Martedì Letterari” del Casinò di Sanremo, il Liceo Cassini e l’associazione “la Dimora” presentano il nuovo libro di Francesco Fadigati “Da questi luoghi bui” ( Bolis Edizioni) il 2 dicembre alle ore 16.30 nel teatro dell’Opera del Casinò. L’incontro è stato inserito nel programma di formazione del Corpo docenti.

Il romanzo intreccia tre storie, quella di Satch, giovane chitarrista innamorato di Sofia, di Alessandro, un universitario che decide di iniziare a fare il soccorritore presso la Croce Bianca genovese e quella del signor Nardi, un uomo che si sveglia improvvisamente da uno stato di coma profondo. Tre storie,dai luoghi bui di una esistenza incompiuta ad un occidente che è scoperta di senso.

Dalla recensione del musicista Walter Muto su “Da questi luoghi bui”: “Cosa c’entrano il traffico di Milano, le cantine dove provano le rock-band, l’alluvione di Genova, un letto d’ospedale e tanta, tanta musica? Detto così, niente. Per scoprirlo, bisogna addentrarsi nella lettura di Da questi luoghi bui, intrigante, avvincente romanzo del giovane scrittore e pròfe Francesco Fadigati, alla sua seconda prova”.

L’intenzione dell’autore era trovare un modo di illustrare la dinamica insegnante-studente, partendo dalla propria esperienza personale. Ma presto nell’idea di voler articolare il racconto a due voci – professore e studente – il personaggio del professore non decolla, lasciando spazio a quello che sarà il primo, vero protagonista del libro: Satch, studente diciassettenne e chitarrista rock, il cui nickname deriva dal soprannome del chitarrista da lui più amato, Joe Satriani.

Il personaggio del professore viene sostituito da Alessandro, un giovane che lascia università e città d’origine per gettarsi in una vita nuova, da soccorritore della Croce Rossa, a Genova. La vividezza del racconto dell’alluvione in questa città tradisce una provenienza di prima mano. Il personaggio di Alessandro è, infatti, ispirato al fratello dell’autore, che quella esperienza drammatica l’ha vissuta sulla sua pelle. Ma le voci sono tre: la terza storia è quella del signor Nardi, che dopo un incidente di cui non ricorda nulla, si sveglia da un lungo stato di coma e molto lentamente ricomincia a vivere.

Satch, Alessandro e il signor Nardi occupano in successione un capitolo a testa. Fin dall’inizio il racconto è davvero avvincente, il lettore viene trascinato nella girandola delle tre storie, ben sapendo che presto o tardi si incroceranno. Ma non è solo questa tensione – a tratti con toni da thriller – a tenere in piedi la narrazione. Ci sono le bellissime, vivide descrizioni delle città – Milano, Genova – e i caratteri degli altri comprimari – le figure femminili e il grande educatore, il signor Cortesi. Ma soprattutto c’è la domanda fondamentale che appartiene alle storie che si intrecciano: è possibile uscire dai luoghi bui dove talvolta la vita va ad infilarsi? È possibile vivere senza avere paura di tutto? È possibile ricominciare a provare stupore per le cose semplici, che sembrano banali, ma non lo sono affatto?

Nel romanzo c’è molta musica, lo abbiamo accennato all’inizio. Tanto rock, ma non solo. Jazz, classica. La musica è un significante, non potrebbe non esserci e talvolta è la chiave di volta, lo snodo perché la storia possa andare avanti. Ma è la struttura stessa della scrittura ad usare la medesima grammatica della musica. Attesa, sorpresa; tensione, risoluzione; dissonanza, consonanza.

Come in un’invenzione a tre voci di Bach, le storie scorrono per arrivare ad un finale che potrà scoprire solo il lettore, alla fine di un viaggio, attraverso brutture, drammi, tragedie, amori, insomma, la trama delle nostre vite, raccontata con tratto deciso e appassionato. E, su tutto, la possibilità di tornare a rivedere la luce. “

Francesco Fadigati è nato a Sanremo, ha frequentato il Liceo Cassini e quindi si è laureato in lettere moderne all’Università Cattolica di Milano.Dal 2005 insegna lettere in una scuola media della provincia di Bergamo. Nel 2011 ha pubblicato, per Bolis edizioni, “La congiura delle torri” un romanzo storico ambientato nella Bergamo del XII secolo.

Negli anni universitari fonda insieme ad altri amici-studenti dell’Università Cattolica di Milano l’Associazione “Centocanti”, che prende il nome dal numero dei canti della Divina Commedia ed è composta da giovani studenti di scuole superiori, universitari e lavoratori (soprattutto insegnanti), impegnati nell’amare e far conoscere i versi del Sommo Poeta. L’associazione vanta centinaia di aderenti in tutta Italia; ogni socio deve imparare a memoria un canto della Commedia entrando così a far parte di una vera e propria “Divina Commedia vivente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.