Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Dolcedo la prima rassegna concorso ‘Alberi di Natale per le vie del Borgo’

In contemporanea, la Parrocchia di Dolcedo ha organizzato la terza rassegna dei presepi

Dolcedo. L’Associazione “Ucasô növu” di Dolcedo è lieta di presentare la prima Rassegna ConcorsoAlberi di Natale per le vie del Borgo”. La manifestazione è nata con l’intento di abbellire le vie del paese nel periodo natalizio, ma anche per  stimolare la fantasia creativa dei partecipanti ed inoltre per invogliare all’uso artistico di materiali poveri e di recupero. Sono 42 gli alberi iscritti. Molti i dolcedesi che hanno deciso di cimentarsi, ma ci sono apporti da Imperia ed anche un albero che arriva da Torino ed uno da Cuneo.

Le “opere” saranno montate negli appositi spazi sabato 17 dicembre e l’inaugurazione si terrà domenica 18 dicembre in occasione della festa patronale di San Tommaso. In tale circostanza gli alberi saranno visitati, freschi di montaggio, da una giuria tecnica. Questa esprimerà un vincitore che verrà comunicato solo in data 8 gennaio 2017 durante la cerimonia di premiazione che si terrà in occasione della giornata del tesseramento del sodalizio. In tale data saranno anche resi noti i tre premiati dal responso della giuria popolare che durante il periodo delle festività potrà dare il giudizio con apposita scheda.

In contemporanea, la Parrocchia di Dolcedo ha organizzato la terza rassegna dei presepi che quest’anno si terrà nel ristrutturato oratorio di San Carlo, dove ha termine il percorso degli Alberi di Natale. “Nelle feste natalizie – esprime il presidente Natale Trincherisono molti i sodalizi che propongono concorsi e mostre di presepi, che vengono visitati da un folto pubblico. Ci auguriamo che questa nostra originale rassegna trovi lo stesso consenso”. Da parte sua, l’associazione Ucasô növu ha provveduto ad addobbare la pianta di ippocastano di fronte all’edificio scolastico di Dolcedo che, con l’affettuoso termine “sutta a castagna”, è diventato negli anni un importante punto di incontro per i dolcedesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.