Quantcast

Sanremo, ricordando Cesare Orvieto: oggi il critico d’arte avrebbe compiuto 100 anni foto

Riposa nella tomba-monumento realizzata in bronzo dal fratello Renzo (pittore e scultore) al Cimitero di Valle Armea

Sanremo. Il 26 novembre 2016 Cesare Orvieto avrebbe compiuto 100 anni. In questo giorno, la famiglia, intende ricordarlo affinché coloro che lo hanno conosciuto possano per l’occasione richiamare alla memoria il ricordo del noto critico d’arte.

Cesare Orvieto è nato a Firenze il 26 novembre del 1916. Dopo gli studi del violino e del canto lirico si dedica allo studio dell’arte figurativa. Frequenta l’Università per Stranieri di Perugia e nel 1946 studia storia antica e moderna a Milano sotto la guida di Giuseppe Tenaglia. Nel 1966, a Sanremo, apre la Galleria Studio d’Arte (in Via Matteotti) dedicandosi all’attività di Critico e Scrittore d’Arte tra Sanremo e Milano.

Gli vengono conferiti una serie di riconoscimenti e premi:

– 1967: Membro onorario all’Accademie Cantonale des Beaux Arts du Valais.
– 1969: Premio Internazionale Cavalieri della nuova Europa – Roma, Palazzo Barberini.
“Per meriti acquisiti nel settore dello studio della critica d’arte: Critico e Scrittore d’Arte, è Perito di numerosi e importanti Enti tra cui vari tribunali, banche, notai, curatori di fallimento e avvocati. E’ richiesto inoltre da varie Giurie internazionali per la sua provata capacità e profonda cultura delle cose d’arte. Nel settore degli scambi culturali il suo nome ricorre spesso per richiederne il parere di esperto studioso della storia della pittura antica italiana e internazionale”.
– 1969: eletto membro in qualità di “scrittore d’arte” da The International American Institute.
– 1971: Diploma di benemerenza, grande medaglia d’oro della Fondazione Accademica Italiana – Pontzen.
– 1973: Tesoriere amministratore accademico effettivo dell’Accademia archeologica italiana – Roma.
– 1982: Nominato Cavaliere dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini.
– 1996: Medaglia e iscrizione nel libro d’oro del Premio Ligustico Maggiore “R. Enrico” Una vita per la città.
“Per concrete benemerenza nel campo della storia dell’arte”.

Collabora, insieme a Giorgio Falossi alla redazione del libro Le vite e le opere – catalogo delle quotazioni degli artisti italiani vissuti dal 1200 al 1900 (Ed. il Quadrato, 1975). E’ stato sostenitore e scopritore dell’arte di pittori del calibro di Ivan Karpoff, Alfredo Zecca e Antonello Zecca.

Nel 1995 individua, negli scantinati dell’Opera Don Orione in Sanremo, un polveroso ed annerito relitto di un antico dipinto e di un’antica cornice. Grazie all’intuizione, esperienza e competenza effettua una prima pulitura con mezzi di fortuna e successivamente trasferisce l’opera in un laboratorio specializzato per l’esame definitivo che mette in luce un’opera di Giovanni Raffaele Badaracco, “La Madonna col bambino”.

Cesare Orvieto è morto a Sanremo il 15 novembre del 1996. Riposa nella tomba-monumento realizzata in bronzo dal fratello Renzo (pittore e scultore) al Cimitero di Valle Armea, insieme al fratello Renzo e alla cognata Simona.