Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuove stazioni Fs, riunione decisiva per i pullman urbani per i passeggeri di Diano e Imperia

Proseguono gli interventi tra Laigueglia e Andora propedeutici all'inaugurazione del raddoppio previsto per l'11 dicembre

Imperia. Vertice in Prefettura domani (mercoledì 16 novembre) a Imperia per definire i collegamenti via bus tra il centro e le nuove fermate di Imperia/Castelvecchio e Diano Marina/San Pietro. E quasi certo che nel corso della riunione, la terza nel giro di tre settimane, enti locali e Riviera Trasporti chiederanno che sia la Regione a farsi carico delle spese di trasporto dei passeggeri in arrivo e in partenza dalle due nuove stazioni dopo le fumate nere degli incontri precedenti. Nel frattempo nei prossimi giorni inizieranno (ed avranno una durata di tre settimane) i lavori per sistemare la viabilità necessaria nella zona tale da permettere il doppio senso di circolazione, senza strozzature, da e per la nuova stazione ferroviaria a Diano San Pietro. Prevista l’eliminazione del sottopassaggio di via Campodononico.

Ma l’occasione di domani sarà importante perché al tavolo con l’assessore regionale ai Trasporti ci sarà anche Gianni Berrino e Trenitalia. Si parlerà della seconda fase (in corso) dell’interruzione dei treni tra Diano Marina e Alassio e quindi verrà esaminata l’efficienza del sistema dei bus sostitutivi avviato il 2 novembre scorso quando sono iniziati e sono tutt’ora in corso gli interventi tra Laigueglia e Andora propedeutici all’inaugurazione del raddoppio tra Andora e San Lorenzo prevista per l’11 dicembre. Quel giorno entrerà in vigore anche il nuovo orario invernale di Trenitalia.

Ma prima di allora i pendolari dovranno sopportare altri disagi. Dopo la prima e la seconda fase ecco che dal 28 novembre al 10 dicembre la linea non sarà utilizzabile. Si viaggerà in bus tra Ventimiglia e Albenga dove continuano a fermarsi e a ripartire i treni regionali e gli Intercity per Genova, Milano e Roma. Nelle stazioni di interscambio è sempre presente personale Trenitalia per gestire eventuali imprevisti.

Vero però che i pendolari hanno premiato finora gli sforzi da parte di tutti. “Vedremo quali disagi dovremo sopportare con la terza e ultima fase – sottolinea Sebastiano Lopes, portavoce del Comitato Utenti Trenitalia del Ponente – Speriamo sia l’ultima in vista dello storico raddoppio della linea dopo tanti anni di attesa e treni in ritardo per incroci e guasti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.