Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Latitanti e documenti falsi, tre arresti per la polizia a Ventimiglia foto

Arrestato dalla polizia per tentato omicidio ai danni di uno straniero

Ventimiglia. Arrestato dalla polizia per tentato omicidio ai danni di uno straniero, è finito in manette ed è stato condotto finalmente in carcere a Imperia, Omrani Mounir, tunisino di 39 anni residente a Sanremo, dove vive con la moglie italiana.

Lo straniero è stato intercettato dalla polizia di frontiera francese a bordo treno nei pressi della stazione di Mentone Garavan. Al controllo francese risultava in possesso di dichiarazione di soggiorno per stranieri rilasciato dalla Questura di Imperia nello scorso ottobre, documento non sufficiente per entrare nello Stato francese. Pertanto, la Polizia di frontiera francese ha contattato il settore frontiera di Ventimiglia al fine di respingerlo da dove proveniva. Preso in consegna presso la polizia di Ponte San Luigi, lo straniero è stato condotto negli Uffici del Settore dove, durante tutta la notte, si sono effettuati numerosi accertamenti tra cui quelli foto dattiloscopici con riscontro AFIS.

Proprio da questi sono emerse le esatte generalità dello straniero, che hanno consentito di scoprire a suo carico un provvedimento di custodia cautelare in carcere, emesso dal Tribunale di Imperia pochi giorni prima, per aver tentato di uccidere con un lungo coltello, un tunisino a Sanremo perché non aveva voluto o potuto soddisfare la sua richiesta di sostanze stupefacenti. In quella occasione, solo il provvidenziale intervento di un altro straniero aveva impedito che i colpi inferti con accanimento proseguissero fino a cagionarne la morte. Acquisito dunque il provvedimento in carico ai carabinieri di Sanremo, lo stesso è stato notificato al tunisino tratto quindi in arresto e condotto, dal personale della Frontiera, al Carcere di Imperia.

Tratti in arresto, nella giornata di ieri, anche altri due stranieri: una nigeriana di 23 anni, controllata nei pressi della barriera autostradale a bordo pullman proveniente da Torino e diretto a Barcellona che ha esibito agli agenti una carta di identità italiana rilasciata dal Comune di Milano, apparentemente valida anche per l’espatrio.

La grande competenza in materia di falso documentale, acquisita dal personale della frontiera in lunghi anni di esperienza “sul campo” e perfezionata da corsi specifici, nonché l’utilizzo di apparecchiature particolarmente sofisticate, che consentono di stabilirne la falsità totale e di trarla quindi in arresto. Processata per direttissima è stata rilasciata e successivamente accompagnata all’hot spot di Taranto.

Duplice arresto invece per un rumeno di 26 anni, in Italia senza fissa dimora. Anche in questo caso il controllo è avvenuto in seguito ai controlli che quotidianamente ed in modo molto attento, vengono effettuati dalla polizia di frontiera nei pressi della barriera autostradale. Lo straniero, a bordo di un pullman proveniente da Firenze e diretto a Madrid, ha esibito una carta di identità rumena in corso di validità. Anche in questo caso, l’arresto è stato possibile solo per merito dei lunghi ed approfonditi accertamenti sviluppati successivamente presso l’Ufficio Settore. Dagli stessi sono emerse le vere generalità, completamente differenti da quelle indicate sul documento e, di conseguenza, la totale contraffazione dello stesso. Sempre con le vere generalità è stato possibile scoprire che a suo carico vi era un provvedimento di custodia cautelare in carcere, emesso nel 2012 dal Tribunale di Roma, per rapina impropria.
Posto sotto sequestro il documento, lo straniero è stato tratto in arresto e condotto al carcere di Imperia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.