Quantcast

#iovotono, il deputato Alfredo D’Attorre alla manifestazione provinciale per il “no” al referendum costituzionale

Martedì 29 novembre, alle ore 18, al Cinema Centrale di via Cascione a Porto Maurizio

Imperia. Il 29 novembre alle ore 18, al Cinema Centrale di Imperia in Via Cascione a Porto Maurizio, si terrà il grande evento di chiusura della Campagna per il “NO” al Referendum sulle modifiche costituzionali in programma il 4 dicembre.

Il “Comitato Imperiese per il NO” ha infatti organizzato una grande manifestazione provinciale con Alfredo D’Attorre, deputato di sinistra italiana, SEL.

Per rispondere in modo serio e completo ai tanti cittadini ancora dubbiosi, il deputato Alfredo D’Attorre racconterà e spiegherà in modo completo ed esaustivo perché dire “NO” il 4 dicembre è fondamentale per salvare la nostra Costituzione.

Dopo molti incontri più tecnici con giuristi ed avvocati (Paoli Luppi, Mario Giribaldi, Francesco Pallante, Massimo Corradi…), e altrettanti con esponenti del mondo dello spettacolo come Francesca Fornario e Ugo Dighero, questa volta la parola passa ad un uomo politico di eccellenza che farà luce anche sul quadro politico generale in cui si inserisce il referendum e il suo esito.

Accanto a lui interverranno anche: Feli Delucis (ARCI-Imperia), Fulvio Fellegara (Segretario provinciale CGIL Imperia), Gian F. Grosso (Capogruppo Imperia Bene Comune), Amelia Narciso (Segretaria Comitato Provinciale ANPI Imperia) e Marco Ravera (Segretario P.R.C. Liguria)

Alfredo D’Attorre è uno dei deputati più colti del panorama politico attuale: laureato in filosofia alla Normale di Pisa, ha conseguito un dottorato di ricerca in filosofia e scienze umane. Ha svolto l’attività di ricercatore universitario prima dell’impegno in politica.

Dal febbraio 2012 è commissario del PD Calabria. Alle elezioni politiche del 2013 è stato eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XXIII Calabria per il Partito Democratico e quindi assegnato dal suo gruppo di appartenenza alla I Commissione affari costituzionali.

Vicino politicamente all’ex leader democratico Pier Luigi Bersani, il 5 giugno 2013 è stato scelto come Responsabile nazionale per le Riforme del Partito Democratico nella nuova Segreteria nazionale dal Segretario reggente Guglielmo Epifani.

Il 3 novembre 2015, in contrasto con le politiche del governo Renzi, lascia il Partito Democratico e aderisce a Sinistra Italiana, iscrivendosi al gruppo parlamentare Sinistra Italiana – Sinistra Ecologia Libertà.