Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Danni alluvionali, l’assessore Mai: “Vazio e il Pd fanno terrorismo psicologico”

"Abbiamo richiesto i 32 mln di euro seguendo tutte le indicazioni fornite dal dipartimento nazionale della Protezione civile"

Liguria. “Le dichiarazioni dei deputati Pd e in particolare dell’onorevole Vazio non sono altro che un atto gravissimo e inaccettabile di terrorismo psicologico che danneggia e offende le imprese del nostro territorio”. Lo afferma l’assessore regionale Stefano Mai che replica duramente alle affermazioni del Pd sui risarcimenti per i danni alluvionali alle imprese.
“Contrariamente a quanto dichiarano i parlamentari Pd, non ho alcun motivo di ritenere che la Liguria abbia perso anche solo un euro per il risarcimento dei danni alluvionali alle imprese agricole, anche perché non mi risulta che a oggi il governo abbia stanziato ancora un euro. Pertanto la finiscano di terrorizzare senza ragione i nostri agricoltori e si concentrino piuttosto nel fare ottenere alla nostra Regione i 32 milioni di euro che abbiamo richiesto seguendo alla lettera tutte le indicazioni che ci sono state fornite dal dipartimento nazionale della Protezione civile”.

L’assessore regionale all’Agricoltura smentisce con forza le dichiarazioni del gruppo Pd alla Camera che ha presentato un’interrogazione al ministro Martina in merito all’annosa questione sullo stanziamento di fondi per il ristoro di danni alluvionali subiti dalle imprese agricole nel 2014, che ammontano a circa 16 milioni di euro, tra le province di Savona, in particolare nella piana Ingauna, e in parte Genova.

Lo scorso 3 novembre, l’assessore Mai aveva inviato la lettera al competente dipartimento nazionale di Protezione Civile con il conteggio dei danni subiti, nel triennio 2013-2015, dalle imprese agricole colpite dalle alluvioni in tutta la Liguria, comprese quelle danneggiate nel 2014 nei 19 Comuni delle province di Savona e di Genova.

“Seguendo le indicazioni del dipartimento nazionale – spiega l’assessore Mai – abbiamo provveduto a completare le ricognizioni sul territorio e quantificato in 32 milioni di euro l’ammontare dei danni subiti dagli agricoltori negli anni 2013, 2014 e 2015 in occasione degli eventi alluvionali sui territori che avevano ricevuto il riconoscimento dello stato di calamità naturale da parte del dipartimento della Protezione civile. Ci siamo inoltre accertati che la documentazione fosse arrivata al dipartimento e che fosse corretta”.
“Come ho sempre sostenuto – ha ribadito l’assessore Mai – Regione Liguria ha seguito alla lettera ogni indicazione del dipartimento nazionale di protezione civile per arrivare finalmente alla soluzione di questo problema che si protrae ormai da anni. Per altro, ci è stata data l’opportunità di fare richiesta non solo per il 2014 ma anche per il 2013 e il 2015 della richiesta danni e così abbiamo fatto”.

L’assessore Mai ricorda i prossimi passaggi nell’iter dei fondi di risarcimento dei danni alluvionali alle imprese agricole. “Nella Legge di stabilità – ha sottolineato l’assessore Mai – ci risulta che siano state stabilite le modalità dell’istruttoria, dopo di che, a inizio 2017, il ministero dell’Economia e Finanze deciderà gli stanziamenti a favore dei territori. A questo punto auspico, nell’interesse dei nostri agricoltori, che tutte le parti politiche mettano da parte pretestuose, quanto dannose, polemiche e si uniscano al nostro pressing sul governo affinché reperisca adeguati stanziamenti per il risarcimento dei danni, attesi da ormai due anni dalle nostre imprese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.