L'intervista

Ventimiglia, visita del prefetto Tizzano alla chiesa di Sant’Antonio: “Studiamo soluzioni per il prossimo anno”

Da Roma è arrivato anche un cugino di Milet residente in Italia per l'addio alla sedicenne eritrea morta sull'A10

Ventimiglia. Il prefetto di Imperia Silvana Tizzano ha fatto visita nel primo pomeriggio di oggi alla chiesa di Sant’Antonio nel rione delle Gianchette, dove il parroco don Rito Alvarez accoglie da mesi donne, bambini e famiglie intere.

E’ la prima volta che la Tizzano visita i locali della chiesa, “Ma è come se ci fossi già entrata”, ha dichiarato il prefetto, “Perché con don Rito abbiamo un rapporto costante, così come con il vescovo, con il quale resto sempre in contatto. Ci siamo visti l’ultima volta solo qualche giorno fa: cerchiamo di lavorare insieme”.

Oltre al Parco Roja, dove è stato allestito dalla prefettura un centro di accoglienza per migranti, non può essere ignorata la realtà delle “Gianchette”. Soprattutto ora, con l’avvicinarsi dell’inverno. Fino ad oggi si è cercato di rispondere all’emergenza continua, dovuta all’arrivo quotidiano di stranieri. “La nostra speranza è quella di poterci dedicare con maggiore cura ai migranti che abbiamo qui”, ha spiegato Silvana Tizzano, “Immaginare anche soluzioni migliori per loro, ma se continuiamo ad inseguire le continue affluenze allora dobbiamo sempre e solo rispondere all’emergenza e questo ci impedisce di occuparci di quello che abbiamo già”.
Una soluzione per sistemare gli ospiti della parrocchia, tra cui – ricordiamo – ci sono donne incinta e bambini piccoli, è in fase di studio. Ma le cose non cambieranno dall’oggi al domani, come anticipa lo stesso prefetto: “Queste persone per ora rimarranno qua. Con il vescovo abbiamo immaginato qualche percorso però non c’è una soluzione per domani mattina. Vorremmo soprattutto prepararci, per evitare l’anno prossimo di trovarci di nuovo in emergenza”.
Durante l’inverno verrà dunque “pianificato” il tipo di intervento da mettere in pratica la prossima estate quando tornerà l’emergenza migranti. Lo ha detto chiaramente il prefetto: “Vorremmo fare una pianificazione invernale con un po’ di calma mentale, sempre che i numeri non ci assillino, per poter arrivare meglio al sicuro appuntamento dell’anno prossimo”.

Domani alle 10,00 nella chiesa di Sant’Antonio verranno celebrati dal vescovo monsignor Antonio Suetta i funerali di Milet Tesfamariam: l’eritrea 16enne che ha perso la vita in una galleria dell’autostrada A10, a pochi passi dalla Francia. La giovane è stata travolta da un tir mentre cercare di attraversare il confine insieme ad altri sei connazionali, rimasti miracolosamente illesi.
Da Roma è giunto anche un cugino di Milet residente in Italia: dirà addio alla ragazzina morta mentre cercava una vita migliore.

leggi anche
milet tesfamariam
Il dramma
Sabato l’addio a Milet, la sedicenne uccisa da un camion in corsa sull’A10
milet tesfamariam
La tragedia
Ventimiglia, oggi l’autopsia sul corpo di Milet: la 16enne travolta da un tir sulla A10
milet perdonaci
Incredulità e dolore
Il parroco don Rito Alvarez e i volontari piangono per Milet: “Siamo responsabili di quello che è successo”
milet tesfamariam
Tragico destino
Milet finita sotto le ruote di un tir tra Ventimiglia e Mentone dopo aver superato violenze e scafisti
migranti autostrada
La storia
Ventimiglia, sulla rotta dei migranti dove paura e pericoli non fermano chi sogna la Francia
Antonio Suetta
L'intervento
Migrante morta sull’A10, il vescovo Suetta: “Una tragedia che solleva la drammaticità vissuta al confine”
milet tesfamariam
Tutti sconvolti
Migrante travolta sull’A10, il funerale alla chiesa di Sant’Antonio a Ventimiglia
milet
L'addio
In preghiera per Milet, la sedicenne eritrea travolta sull’A10 a Ventimiglia
commenta