Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rimandata la mozione di sfiducia della minoranza al sindaco di Imperia Carlo Capacci

Tre i nodi da sciogliere: porto, rifiuti e gestione del depuratore con l'accordo con Rivieracqua

Imperia. “La minoranza consiliare dal Comune di Imperia, assente il Movimento 5 Stelle sebbene avesse condivisa l’opportunità dell’incontro, si è riunita ad inizio settimana per l’organizzazione dei passaggi politici e tecnici di legge per la presentazione di mozione sfiducia concordata da tutta la minoranza”.  E’ quanto si legge in una nota a firma  di Imperia Riparte, Imperia bene Comune, Forza Italia, Fratelli di Italia A.N.

“In tale occasione, Imperia Bene Comune ha proposto di condizionare la data di presentazione della mozione alla decisione o meno del Sindaco di portare in Consiglio Comunale, entro la metà di dicembre,le linee programmatiche della sua azione politico amministrativa in merito a tre punti fondamentali: gestione della raccolta e smaltimento rifiuti (a gennaio 2017 scadrà la terza ed ultima ordinanza sindacale di assegnazione diretta del servizio a Tecknoservice); gestione del depuratore di Imperia e rapporti tra Comune e Rivieracqua (la delibera di assegnazione della gestione del depuratore a Rivieracqua non è ancora stata attuata ed il Comune di Imperia deve deliberare se partecipare a detta società o meno); gestione e completamento del Porto Turistico di Imperia, anche alla luce della transazione operata dal Sindaco relativa all’accettazione dell’escussione delle fidejussioni relative alle opere pubbliche non realizzate (a fine ottobre è prevista inoltre la decisione del Consiglio di Stato sulla decadenza della concessone demaniale alla Porto di Imperia s.p.a., con conseguenti indirizzi politici da assumere con la massima urgenza, quale che sia la decisione dei Giudici)”.

Si legge ancora nella nota: “Sebbene nutrano dubbi sulla capacità politico-amministrativa di questa Amministrazione di formulare proposte credibili su punti di tale importanza, i Gruppi di Imperia Riparte, FdI A.N. e F.I. hanno accettato tale proposta, ritenendo opportuno che la mozione di sfiducia sia condivisa da tutti i gruppi di minoranza e, inoltre, che l’eventuale commissariamento, in caso di presentazione e approvazione della mozione, sia il più breve possibile, nonché uniforme a linee programmatiche, se del caso, tracciate dal Consiglio Comunale.
La Minoranza, pertanto, alla luce della posizione espressa da Imperia Bene Comune, ha deliberato di rimandare l’eventuale presentazione della mozione di sfiducia a data successiva al 30.11.2016, a condizione che entro tale termine il Sindaco formuli proposte di deliberazione sui punti indicati, da discutersi in Consigli Comunali da calendarizzarsi entro la metà di dicembre, e valutato altresì nel merito il contenuto delle proposte formulate e la loro fattibilità concreta per la città di Imperia”, concludono i consiglieri di minoranza di Imperia Riparte, Imperia bene Comune, Forza Italia, Fratelli di Italia A.N.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.