Quantcast
Trasporto su rotaie

Preoccupazione di Sel Sinistra Italiana su raddoppio linea ferroviaria ponentina

"In alternativa al treno, abbiamo espresso la possibilità di chiedere alla società Autostrada dei Fiori la gratuità dal pedaggio tra Ventimiglia e Imperia".

treno

Vallecrosia. Dal mese di novembre la linea ferroviaria dell’estremo Ponente Ligure sarà oggetto di alcuni interventi infrastrutturali importanti, quali la messa in sicurezza della galleria di Capo Mele e del pontino ferroviario tra Vallecrosia e Bordighera, i quali richiederanno la sospensione delle corse dei convogli ferroviari, sino ai primi giorni di dicembre. Sel – Sinistra Italiana esprime la propria preoccupazione, facendosi portavoce anche dei numerosi studenti delle superiori, universitari e lavoratori, che giornalmente si recano a Sanremo, Taggia e Imperia per il fatto che, ad oggi, non sono stati ancora resi noti orari e tratte del piano sostitutivo di trasporto al treno.

Sel – Sinistra Italiana ha quindi espresso queste preoccupazioni all’Assessore Franco Faraldi del Comune di Ventimiglia, che da sempre rivolge una particolare attenzione alle tematiche del trasporto pubblico locale e regionale.
In particolar modo abbiamo espresso la possibilità di chiedere alla società Autostrada dei Fiori, di cui i comuni locali sono soci, la gratuità dal pedaggio tra Ventimiglia e Imperia, come alternativa concreta al treno, per le famiglie degli studenti e i lavoratori, nelle more degli interventi sulla linea.
L’Assessore Faraldi e il Sindaco Ioculano hanno raccolto il nostro invito e hanno quindi predisposto e firmato congiuntamente una lettera indirizzata alla Società Autostrada dei Fiori e per conoscenza anche ai sindaci di Vallecrosia, Bordighera, Sanremo e Arma Di Taggia. Ringraziando il Sindaco Ioculano e l’Assessore Faraldi, invitiamo i sindaci delle altre città a fare lo stesso e tutti insieme a mantenere alta l’attenzione verso questo importante problema, perseverando a farsi portatori degli interessi dei cittadini che rappresentano.

Invitiamo la Regione Liguria a chiarire le modalità concrete, le tratte e gli orari del servizio sostitutivo sia per i pendolari, che ricorrono al trasporto ferroviario regionale, sia per i servizi di media e lunga percorrenza”.

commenta