Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Migrante stupra volontaria della CRI a Ventimiglia, Piana: “Occorrono controlli nei centri di accoglienza”

Ieri il giovane, accusato di violenza sessuale aggravata, è stato condannato a 5 anni e due mesi di reclusione

Ventimiglia. Ieri, un migrante di origine bengalese è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Imperia per avere stuprato una giovane volontaria della Croce Rossa nel centro di accoglienza a Ventimiglia. Il drammatico episodio risale al marzo scorso.

Il giovane, accusato di violenza sessuale aggravata, è stato condannato a 5 anni e due mesi di reclusione. Tuttavia, ad oggi si trova agli arresti domiciliari. Il bengalese era stato assegnato a dei servizi in cucina e ad altri lavori nel campo profughi.

Ieri, il legale della vittima ha annunciato di voler chiamare in causa la Croce Rossa per la carenza di controlli all’interno del centro e fra i migranti utilizzati come volontari.

Dice il capogruppo regionale del Carroccio ligure, Alessandro Piana: “Non li mettono in galera nemmeno se violentano le donne. Nei casi di violenza sessuale sussiste un evidente pericolo di reiterazione del reato. Pertanto, non si capisce perché l’immigrato bengalese, riconosciuto colpevole, si trovi agli arresti domiciliari e non sia sottoposto alla misura di custodia cautelare in carcere.

La drammatica vicenda ha fatto emergere un altro inquietante aspetto del caos immigrati a Ventimiglia, specchio di quello che sono costretti a subire ogni giorno molti altri cittadini liguri e di altre regioni italiane.

La giovane donna sarebbe stata stuprata dall’immigrato in una tenda. Fatti come questo ed altri, pongono seri interrogativi su quelli che sono i controlli all’interno dei centri di accoglienza. Inoltre, se in un campo della Croce Rossa possono avvenire episodi di questo tipo, figuriamoci fuori.

Pertanto, nei confronti dei delinquenti occorre tolleranza zero e certezza della pena. Allo stesso modo, nei campi profughi e nei centri di accoglienza deve essere garantita la sicurezza, che non può essere affidata solo a dipendenti di Cooperative o responsabili della Croce Rossa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.