Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liberi professionisti: l’importanza di costruire un brand riconoscibile

Se non comunico cosa so fare, come e perché non esisto nel mercato, questo oggi è l’imperativo. I clienti comprano la capacità che ha il professionista di distinguersi

Se sono bravo non è necessario farlo sapere, va da sé che i clienti lo sappiano e vengano  da me”. Questa era la mentalità degli anni ’80, ’90 e forse anche del primo decennio del nuovo millennio. La convinzione di fondo era che comunicare e promuovere la propria attività era disdicevole, una pratica di estranea alla libera professione.

Oggi, le cose sono cambiate. Essere professionisti bravi, preparati, esperti può e deve sposarsi perfettamente con la bravura nel saperlo comunicare agli altri. Oggi più che mai se sono bravo, specializzato e ho delle competenze o caratteristiche particolari che servono a distinguermi dalla “massa” dei migliaia di colleghi agli occhi dei clienti è utile farlo sapere e farlo sapere in modo efficace, mirato ed elegante. Se non comunico cosa so fare, come e perché non esisto nel mercato, questo oggi è l’imperativo. I clienti comprano la capacità che ha il professionista di distinguersi, di aggiungere valore al prodotto o servizio che offre.

Il personal branding è lo strumento  per il professionista per farsi conoscere. Il personal branding è il processo attraverso il quale un professionista definisce  i punti di forza (conoscenze, competenze, stile, carattere, abilità, ecc.) che lo contraddistinguono in modo univoco, creando un proprio marchio personale (brand) , che comunica poi nel modo che reputa più efficace.

Il personal branding adotta le tecniche utilizzate dal marketing per promuovere i prodotti commerciali e le adatta per la promozione dell’identità delle singole. L’obiettivo è il brand positioning ovvero, posizionare nella mente dell’utente il nome del professionista associato a una precisa peculiarità, a un concetto che inequivocabilmente lo distinguerà dai concorrenti.

Con il personal branding si influenza l’utenza, attraverso esperienze da far vivere al cliente (experiential marketing) o diventando capace di influenzare una community di seguaci fedeli.

Chi applica il personal branding al web ha lo scopo di creare una rete di seguaci attraverso social media e Blog personali ed eventi (formazione e fiere di settore) con l’obiettivo di aumentare la propria web reputation.

Per poter impostare una valida strategia di personal branding efficace è necessario:

  1. Sapere chi sei e cosa vuoi fare
  2. Creare un brand e una presentazione coerente
  3. Conoscere il tuo mercato
  4. Conoscere i tuoi clienti
  5. Curare l’immagine*

 

Nicoletta Di Norscia & Elena Sparago

DCT

Inviaci i tuoi quesiti al seguente indirizzo mail: rubricartb@gmail.com

Oppure segui le discussioni nel gruppo facebook #RealTimeBusiness, un team di esperti ti aiuterà risolvere i problemi della tua attività

 

*Fonti: Scandellari R., Fai di te stesso un brand, Dario Flaccovio Editore, 2015; William A. e Dib D., Personal Branding per il manager, Hoepli, 2013; Agostini A. e De Nardis A., La tua reputazione su Google e i Social Media, Hoepli, 2013; Centenaro L. e Sorchiotti T., Personal Branding, Hoepli, 2013

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.