Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giornata nera per chi viaggia, in provincia di Imperia si fermano treni e bus

Agitazione dei sindacati autonomi Usb, Usi, Cib e Unicobas contro le politiche del Governo

Imperia. Non sarà una giornata facile quella di oggi per chi viaggia ogni giorno in treno o in autobus. C’è lo sciopero indetto dai sindacati autonomi Usb, Usi, Cib e Unicobas contro le politiche del Governo Renzi, dal Job Act alla Legge Madia alla riforma delle pensioni. Avrà ripercussioni anche nel settore, sanità e scuole.

Il personale viaggiante Rt si fermerà dalle 8,30 alle 17,30 e dalle 20,30 a fine servizio (assicurati i collegamenti di pendolari e scuole). Per agli addetti degli impianti fissi, lo stop è sull’intero turno. Alle 10 i rappresentanti Usb organizzano un presidio in piazza Colombo a Sanremo.

Per i treni l’intrerruzione è di otto ore, dalle 9 alle 17. Anche qui non vengono toccate le fasce protette dei pendolari, dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. I regionali potranno subire ritardi e cancellazioni. Le Ferrovie hanno cancellato i treni a lunga percorrenza Milano-La Spezia delle 12,10 e La Spezia-Milano delle 16.40, il Livorno-Milano delle 11,24 e Milano-Livorno delle 16,05. Sempre per i viaggi su rotaia, oggi sarà messo alla prova l’accordo raggiunto da Fs e organismi sindacali nazionali che prevede la possibilità per i treni francesi della Sncf di raggiungere Ventimiglia in caso di sciopero delle Ferrovie italiane. Senza essere dunque costretti, come accaduto sinora, a fermarsi a Mentone, con gravi disagi per i frontalieri. Qualche perplessità è stata sollevata per le fasce orarie garantite, che lasciano scoperti gli arrivi dalle 9 alle 17.

Nella sanità il personale e dirigenti dei settori medici, veterinari e tecnico-amministrativi che aderiscono all’agitazione si fermeranno l’intera giornata o turno di servizio. L’Asl 1 Imperiese assicura il rispetto delle norme sulla garanzia dei servizi pubblici essenziali. Negli ospedali saranno assicurate le prestazioni di urgenza, mentre l’attività programmata e prenotata potrebbe subire interruzioni o sospensioni. Per i servizi al territorio, garantite le prestazioni d’urgenza e quelle assicurate nei giorni festivi nei servizi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.