Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Come rendere felice il nostro amico a 4 zampe? Giocando!

Il gioco è pura condivisione di risorse, cibo o oggetti, di attenzione e tempo in uno stato di tranquillità e soprattutto fiducia

Prima di tutto poniamoci questa domanda: sappiamo cosa vuol dire giocare? Alcune persone scambiano la competizione o la prova di forza per gioco ma in quel caso l’unico che si diverte è chi prevale sull’altro. Forse nemmeno più di tanto ad essere sinceri, poiché gli atti di forza e le competizioni richiedono controllo e rigidità emotiva, non sono così rilassanti, si è un po’ sul “chi va là” e il relax è molto lontano.

Il gioco è pura condivisione di risorse, cibo o oggetti, di attenzione e tempo in uno stato di tranquillità e soprattutto fiducia. Stiamo parlando di una delle attività più divertenti che possiamo fare con il nostro compagno di viaggio a 4 zampe che può essere parte fondamentale del rapporto, infatti passare del tempo giocando insieme ne rafforza la qualità poiché si fanno cose belle e stimolanti per lui e che  permettono a noi di acquistare valore ai suoi occhi.

Cani annoiati rischiano di stressarsi molto e soprattutto rischiano di emettere comportamenti a noi sgraditi, come rosicchiare oggetti di casa o mobili, se non comportamenti autolesionisti come leccarsi le zampe fino a ferirsi. Spesso si pensa che un cane sia soddisfatto dopo la passeggiata quotidiana o al massimo se segue uno sport cinofilo che richiede un alto impegno energetico, diciamo che si va da un estremo all’altro: la ripetizione degli stessi stimoli come l’attività fisica eccessiva può portare il cane ad uno squilibrio e quindi ad essere stressato.

C’è un gioco per ogni età e taglia/corporatura: per i cuccioli  ad esempio i giochi possono essere un aiuto per l’apprendimento di regole sociali o comportamenti da noi desiderati mentre per gli anziani possono essere uno stimolo a muoversi nonostante i “primi acciacchi” dell’età. L’ambiente ideale per iniziare potrebbe essere casa nostra dove il cane si sente a suo agio e al sicuro, privo di stimoli esterni che possono influenzare le dinamiche del rapporto. Più si va avanti e più si possono sperimentare giochi fuori casa così da rendere il rapporto ancora più interessante e fonte di avventure vissute insieme. Le regole sono poche: divertimento e voglia di condividere momenti gioiosi.

Ci sono giochi più impegnativi e giochi più semplici da fare che possiamo inserire nella routine quotidiana, variando la tipologia e seguendo la fantasia. Li scopriremo insieme nell’appuntamento della prossima settimana!

 

Dottoressa Marzia Massocco

http://evoluzionecinofila.blogspot.it/

evoluzionecinofila@gmail.com

https://m.facebook.com/maluevoluzionecinofila/

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.