Quantcast

Carlo Gentile e il libro sui crimini di guerra tedeschi alla Biblioteca di Imperia

L'autore Carlo Gentile, originario di Imperia, vive e lavora in Germania da molti anni.

Imperia. L’ISRECIm – Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia – ONLUS,  con il patrocinio del Comune di Imperia e dell’Amministrazione Provinciale di Imperia,  ha promosso, per venerdì 14 ottobre  2016 ore 17.00  presso la Sala Convegni della Biblioteca Civica “L. Lagorio” – Piazza De Amicis, 7 – Imperia (g.c. del Comune di Imperia) la presentazione del volume “I crimini di guerra tedeschi in Italia 1943- 1945” (Einaudi Editore – 2015) di Carlo Gentile. La presentazione sarà curata dal giornalista e scrittore Daniele La Corte, introdurranno l’incontro, a cui sarà presente l’autore, Giovanni Rainisio Presidente dell’ISRECIm e Roberto Moriani del Comitato Scientifico dell’ISRECIm. Durante gli anni dell’occupazione tedesca, tra l’estate del 1943 e la primavera del 1945, l’Italia fu investita da un’ondata di violenza senza precedenti nella storia recente del paese.

Dopo settant’anni dalle stragi naziste in Italia il prof. Carlo Gentile, dopo un lungo e accurato studio storico, ci offre una ricostruzione rigorosa dei crimini di guerra tedeschi  nel contesto della guerra partigiana e della Seconda guerra mondiale in Italia, esaminando le modalità con le quali le unità della Wehrmacht, delle Waffen-SS e della polizia hanno condotto la lotta contro i partigiani e individuando i responsabili degli eccidi e le loro motivazioni.

L’autore Carlo Gentile, originario  di Imperia, vive e lavora in Germania da molti anni,  come ricercatore di ruolo e professore aggregato all’Università di Colonia. Si è occupato principalmente di storia dell’occupazione tedesca, della guerra partigiana e dei crimini nazisti durante la seconda guerra mondiale ed è autore di numerosi saggi pubblicati in Italia ed in Germania. Inoltre ha dedicato varie pubblicazioni allo studio delle fonti fotografiche sull’Italia occupata. Dal 1999 al 2009 è stato consulente e perito storico per numerose autorità giudiziarie italiane e tedesche in procedimenti penali per crimini di guerra. In particolar modo ha collaborato a lungo con la Procura Militare di Torino svolgendo approfondite indagini sulle stragi commesse dalle  truppe naziste  nel Ponente ligure e nel basso Piemonte.   Per la Provincia di Imperia, sono degne di nota  le ricerche nell’ambito dei procedimenti relativi alle stragi di Torre Paponi (14 – 17 dicembre 1944), della località Grimaldi di Ventimiglia (7 dicembre1944), e per la zona di Albenga per le stragi di cui fu responsabile il capitano Gerhard Dosse comandante del I battaglione del Grenadier- Regiment 80.