“Affabulando”, l’Accademia della Pigna celebra Shakespeare a 400 anni dalla morte

Tornerà in piazza Capitolo l’attrice veronese Beatrice Zuin che, affiancata dall’attore inglese Roger Tilbury, proporrà una selezione dalle opere teatrali del padre di Amleto

Sanremo. Domani Mercoledì 17 agosto proseguirà la serie di incontri in piazza Capitolo sotto l’insegna di “Affabulando”, letture serali dedicate quest’anno a diverse epoche e culture.

Nel girovagare tra i più diversi spunti letterari, questa volta l’Accademia della Pigna vuole omaggiare un colosso della letteratura europea, William Shakespeare di cui ricorrono i 400 anni dalla morte. In quest’ottica tornerà a piazza Capitolo l’attrice veronese Beatrice Zuin che, affiancata dall’attore inglese Roger Tilbury, proporrà una selezione dalle opere teatrali del padre di Amleto che verranno declamate a due voci e due lingue: in inglese e in traduzione italiana.

Un’idea originale per fare cultura, per meditare su pensieri composti secoli fa da un geniale artista britannico, la cui identità è sempre stata oggetto di discussioni e ha sempre destato curiosità.

Beatrice Zuin è un’attrice e regista teatrale che ha recentemente collaborato ad importanti progetti a tema, come “Shakespeare in Veneto”, serie di seminari e spettacoli in città come Venezia, Padova, Verona e sul Lago di Garda. Anche la Pigna può essere “teatro” di cultura shakespeariana, con la suggestione dei suoi carrugi e piazzette, e in questo modo per ampliare il respiro delle iniziative volte a rivalutare il centro storico matuziano.

L’incontro, promosso in collaborazione con il Circolo Ligustico e l’Assessorato alla Cultura del Comune, è ad ingresso libero e gratuito.