Sull’Aurelia tra San Lorenzo e Imperia auto lanciate come bolidi, rischio elevato di incidenti

Sorpassi azzardati e manovre spericolate soprattutto di notte quando i controlli sono sporadici o inesistenti

San Lorenzo. La strada è l’Aurelia, tra San Lorenzo al Mare e Imperia. Di notte questa lunga striscia d’asfalto si trasforma in un autodromo. Tra i tornanti e i rettilinei manca la pubblica illuminazione, strada però ancor più pericolosa dettata dal fatto che è facile incrociare auto lanciate a velocità folle. Ci sono macchine che come bolidi azzardano sorpassi da Formula Uno anche in curva dove la visuale è assai ridotta.

I controlli delle forze dell’ordine in questo tratto di Aurelia che potrebbe essere definita un po’ come la terra di nessuno sono sporadici o quasi inesistenti. Eppure la strada sta diventando molto rischiosa. Lo dicono gli stessi automobilisti, quelli che invece il codice della strada lo rispettano. “L’altra notte – racconta Maurizio Viale – stavo tornando a casa dopo aver cenato a casa di un amico a Santo Stefano. Mi tallonava un’auto, frenava e accelerava. Aveva fretta di andare verso Imperia. Mi ha superato in curva e per un soffio ha rischiato di scontrarsi con una vettura che procedeva in senso contrario. Ho rallentato perché ho avuto paura di tamponare l’auto di quel matto e magari schiantarmi contro il guardrail”.

E non sarebbe l’unico episodio. Smanettoni s’incontrano sempre più spesso tra San Lorenzo e Imperia. Schiacciano sull’acceleratore in barba ai limiti di velocità, ma soprattutto mettendo a repentaglio la propria vita e quella degli altri automobilisti che invece viaggiano entro i limiti. In alcuni punti la strada sembra addirittura restringersi e il rischio di schiantarsi contro la protezione ai lati della strada è molto elevato. Servono maggiori controlli e la rapida adozione di misure per cercare di rendere meno pericolosa l’Aurelia.