Quantcast

Incidente al bivio per Poggi, disposta l’autopsia per Manuel Crusco fotogallery

Stazionaria la minorenne che viaggiava sul sellino posteriore della moto guidata dal diciannovenne

Imperia. Una persona indagata e l’autopsia. Sono gli sviluppi dell’indagine sulla morte del ragazzo di 19 anni, Manuel Crusco, residente a Taggia, avvenuta ieri mattina al bivio per Poggi. Lo ha deciso la Procura della Repubblica. A coordinare l’inchiesta è il pm Francesca Sussarellu. Il conducente del mezzo della Teknoservice F.Z., di 47 anni, è stato indagato di omicidio colposo.

Gli agenti della polizia municipale, coordinati dal comandante Aldo Bergaminelli e dal suo vice Angelo Arrigo, stanno ricostruendo la dinamica del drammatico scontro avvenuto in regione Garbella, un bivio maledetto già al centro di altri incidenti anche gravi.

Il mezzo della Teknoservice proveniva da San Lorenzo e stava per svoltare per immettersi sulla strada che sale nella frazione per Poggi. Ed è stato in quel momento che il ragazzo si è scontrato con il furgoncino dopo aver perso il controllo della moto. Insieme a lui viaggiava un’amica di 17 anni, rimasta gravemente ferita. È ricoverata a Imperia ma non è in pericolo di vita. Lui invece è morto poco dopo l’arrivo in ospedale dove era stato trasportato con un’ambulanza della Croce Bianca.

Sia la moto che il furgone sono stati sequestrati dagli agenti della polizia municipale e saranno sottoposti a perizia. Si dovrà anche chiarire a  velocità andasse Manuel Crusco. Scattate foto dei mezzi, tracciato le sagome sul selciato con il gesso bianco per poi inviare una prima relazione al magistrato che ha disposto l’autopsia, ma è un atto dovuto. Decisive saranno poi le testimonianze raccolte sul posto dagli agenti.  Le dichiarazioni sono state prese a verbale.