Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, in estate torneranno i no borders: tutto pronto per un nuovo presidio

Per contribuire alla causa, la bolognese Radiocitta’fujiko ha lanciato "l'operazione tenda"

Ventimiglia. In previsione dell’estate e dell’aumento dei flussi migratori, gli attivisti no borders preparano l’allestimento di un nuovo presidio, dopo quello che, l’anno scorso, ha tenuto in scacco per tre mesi la pineta dei Balzi Rossi.
Per contribuire alla causa, la bolognese Radiocitta’fujiko ha lanciato “l’operazione tenda” per raccogliere beni e aiuti per i migranti bloccati nella città di confine.

L’emittente, che ha iniziato ufficialmente le sue trasmissioni con la nuova denominazione sulla storica frequenza dei 103.100 Mhz nel mese di Ottobre 2004, nasce dall’incontro tra la Cooperativa “L’Informazione Nuova”, editore di Radio Città, poi Radio Città 103, e l’associazione Radio Fujiko.

“Grazie alla collaborazione col movimento “No Borders”, puoi aiutare chi cerca un futuro in Europa e cambiare dal basso questo continente ormai pieno di muri. Scopri cosa serve e come contribuire. Ascolta la testimonianza di un solidale da Ventimiglia”: questo il messaggio trasmesso dall’emittente radiofionica.
E così Radio Città Fujiko si trasforma in un centro di raccolta di beni e aiuti per i migranti bloccati alla frontiera di Ventimiglia. “La cittadina al confine con la Francia rischia di essere, insieme a Idomeni, Calais e ora anche al Brennero, uno dei simboli più tragici della chiusura e dell’indifferenza dell’Europa verso chi fugge da guerre, miseria e persecuzioni”, si legge nel testo diffuso dall’emittente e dalla rete degli attivisti no borders.

Continua il comunicato: “Dall’estate scorsa, Ventimiglia è diventata anche un simbolo della solidarietà che i governi non riescono ad esprimere, una solidarietà dal basso. Anche se i riflettori dei grandi media si sono spenti, la situazione continua a richiedere la solidarietà di tutti noi. Grazie al presidio permanente No Borders, i migranti non vengono lasciati soli, ma aiutati ad avere informazioni e ad autorganizzarsi”.

Radiocitta’fujiko, spalleggiata dai no borders, chiede vecchi cellulari funzionanti, tende da campeggio, stuoie, coperte, sacchi a pelo, zaini, borracce, caricatori per cellulari (soprattutto per smartphone), accumulatori di elettricità, farmaci generici, collirio, rasoi, crema idratante, spazzolini, saponette, dentifricio, carta igienica, scottex e anche indumenti: giacconi da uomo, felpe, pantaloni sportivi, scarpe da uomo chiuse in buone condizioni nei numeri 42,43 e 44.
Tutto il materiale raccolto verrà consegnato a fine maggio direttamente al presidio di Ventimiglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.