Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra crisi e passione, in provincia di Imperia decollano le start up agricole dei giovani

Diplomati e laureati che hanno ereditato il terreno dal nonno o dallo zio che hanno piantato alberi d'ulivo o che hanno messo a dimora vigneti per poi imbottigliare vino locale

Imperia. Diplomati e laureati che hanno ereditato il terreno dal nonno o dallo zio che hanno piantato alberi d’ulivo o che hanno messo a dimora vigneti per poi imbottigliare vino locale. Sono i “giovani contadini” che per crisi, ma anche per passione, hanno (ri)scoperto il mondo dell’agricoltura grazie ai genitori o appunto ai nonni.

In provincia di Imperia decollano le start up del “verde” under 30. “Fenomeno in crescita che seguiamo con grande interesse – conferma il presidente provincia della Coldiretti Antonio Fasolo – Nelle nostre sedi arrivano giovani anche con una laurea in tasca che chiedono informazioni su come avviare un’azienda. Una bella ventata di freschezza che fa bene al comparto. La nostra Coldiretti ha creato una community, elemento essenziale non solo per confrontarsi e per condividere le proprie esperienze, ma soprattutto per la creazione di rete d’impresa tra i giovani agricoltori“. E alcune start up già hanno trovato la forza per fare business col vino buono e il miele nostrano, con l’olio taggiasco e i fiori delle serre di Sanremo da vendere sui mercati nazionali.

Ma ci sono anche altri ragazzi e ragazze che Hanno capito che possono realizzarsi nel settore agroalimentare e continuare a vivere in provincia senza dover necessariamente spostarsi all’estero. Sono a “caccia di soldi” per sostenere l’impresa e la Coldiretti di Imperia è pronta a dare risposte. “Strategico oltre che indispensabile avviare dialoghi costruttivi con gli istituti di credito del territorio – sottolinea Antonio Fasolo – Indispensabile sostenere e facilitare l’accesso al credito in agricoltura delle imprese, in particolare dei giovani agricoltori, per le Misure del PSR. Ora è necessario che vengano creati strumenti di garanzia ad hoc per permettere ai giovani imprenditori agricoli e alle aziende che hanno scelto di innovare e crescere di poter realmente beneficiare di risorse economiche con norme e piani più snelli e meno complessi nella loro attuazione”.

Proprio la Coldiretti ha anche messo a disposizione il canale ad hoc CreditAgri Italia, l’ente di garanzia fidi presente in modo capillare su tutto il territorio nazionale. E’ stato costituito appositamente per offrire servizi altamente qualificati di assistenza e consulenza in materia di credito e finanza d’impresa. Una consulenza specialistica interessante per tutto ciò che riguarda la redazione del business plan, l’accesso ai bandi del PSR,  la ristrutturazione delle passività pregresse, l’accesso al credito in agricoltura ordinario ed agevolato, la valutazione di sostenibilità degli investimenti, l’ottimizzazione della gestione finanziaria dell’impresa.

E per chi è alle prime armi interessante è anche il progetto #impresaduepuntoterra, nato come risposta alla forte attrazione delle nuove generazioni verso il mondo agricolo, con un numero crescente di giovani che decide di investire in agricoltura,

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.