Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’allarme del SAPPe : “Carcere di Imperia nel dimenticatoio di tutti”

Un detenuto nordafricano in preda ad una crisi nervosa, appiccava fuoco all'interno della propria cella e solo grazie all'intervento tempestivo degli agenti si è riusciti ad evitare il peggio facendo evacuare tutti i detenuti dalla sezione a causa dei fumi tossici sprigionati,

Più informazioni su

Imperia. “E’ una pagina di cronaca nera senza fine quella che da anni si scrive sul carcere di Imperia - nuovamente il SAPPe ligure richiama l’attenzione sulla errata gestione del carcere di Imperia – un carcere, che desta preoccupazione per quanto accade senza ottenere la giusta attenzione da parte della Direzione presente in istituto solo per la firma settimanale o poco più”.

Il segretario Lorenzo, racconta che quanto è accaduto nelle ultime settimane rappresenta un indice di pericolosità che non può essere contrastato solo dalla Polizia Penitenziaria che benché preparata e guardinga è numericamente sottodimensionata: “La cronaca racconta che due detenuti, per ottenere il trasferimento in altro istituto, in forma di protesta si sono cuciti la bocca con del filo metallico.

Ad un nuovo giunto, durante la perquisizione, gli veniva rinvenuto circa 700 grammi di cocaina pura, il detenuto è stato deferito dalla Polizia Penitenziaria all’autorità giudiziaria, solo pochi giorni dopo ed ad altro nuovo giunto veniva trovato in possesso di circa un grammo di eroina mentre all’interno di una lettera indirizzata ad un altro recluso, i capillari controlli del poliziotto di turno rinveniva dell’hashish.

Ma l’attività della Polizia Penitenziaria non è terminata infatti è accaduto che un detenuto nordafricano in preda ad una crisi nervosa, appiccava fuoco all’interno della propria cella e solo grazie all’intervento tempestivo degli agenti si è riusciti ad evitare il peggio facendo evacuare tutti i detenuti dalla sezione a causa dei fumi tossici sprigionati, tant’è che 4 agenti sono dovuti  ricorrere alle cure ospedaliere perché intossicati.

Imperia essendo un istituto capoluogo transitano innumerevoli soggetti che spaziano dai trafficanti di droga, ai psichiatrici e, fenomeno di questo momento, anche detenuti che potrebbero appartenere a cellule islamiche”.

“Il SAPPe –  continua Lorenzo – ha da sempre contestato non solo la carenza di organico della Polizia Penitenziaria ma l’assenza di un Direttore che oggi è a part time. Per questo è indispensabile un’inchiesta non solo amministrativa ma anche parlamentare che appuri le condizioni di lavoro e detenzione in quell’istituto perché non si può non constatare quanto quotidianamente fa la Polizia Penitenziaria, nel contrastare i fenomeni di droga, di ordine e sicurezza finanche il monitoraggio del fenomeno della radicalizzazione islamica senza essere dotata della giusta attenzione da parte dell’Amministrazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.