Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Prenatal, siglato l’accordo sul contratto di solidarietà

Riguarderà per un anno 391 addetti, riduzione media dell'orario di lavoro del 20%. Vanelli (FISASCAT): «Scongiurati 88 licenziamenti, ora si lavori per il rilancio del gruppo»

Roma. Si è conclusa con un accordo sull’applicazione del contratto di solidarietà la trattativa sugli 88 esuberi annunciati da Prenatal, la catena di negozi specializzati nella distribuzione di prodotti per mamme e bambini che conta oltre 1000 dipendenti.

La riduzione dell’orario di lavoro, in media del 20%, coinvolgerà per un anno dal 1° giugno 2016 391 lavoratori di 44 punti vendita in Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Sicilia e Toscana. Per la Fisascat si tratta di un approccio positivo al processo di riorganizzazione, dovuto in parte alla crisi del settore, penalizzato dal calo delle nascite e dalla crisi dei consumi, dall’altro alla necessità di ottimizzare i costi di gestione e recuperare la produttività, processo comunque mirato a preservare il patrimonio di competenze e a rilanciare le attività aziendali.

La categoria cislina manterrà alta l’attenzione sulla recente integrazione del retail di Holding dei Giochi e di Bimbo Store e sulla costituzione della newco del gruppo integrato MFE², operazione che ha determinato le misure dell’antitrust sulla cessione di diversi punti vendita.

«E’ positiva la salvaguardia occupazionale dei lavoratori ai quali ancora una volta è richiesto un sacrificio in una prospettiva di rilancio e ripresa del gruppo, processo che dovrebbe essere supportato anche con le logiche del buon senso» ha dichiarato la funzionaria sindacale della Fisascat Elena Maria Vanelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.