Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mancata manutenzione delle strade, i sindaci rischiano l’arresto

Per l'omicidio stradale ora è reato anche la buca o il guardrail che i Comuni non hanno sistemato a dovere

SanremoLa strada sconnessa, le buche, il guard rail assente o talmente vecchio da risultare inutile, il segnale sbagliato o inesistente, le strisce pedonali sbiadite, il tracciato assassino, la curva modellata come non si dovrebbe, la galleria buia. Per la mancata manutenzione delle strade, ora i sindaci rischiano l’incriminazione.

Se la legge rimarrà tale e verrà applicata, si prevedono tempi duri per i sindaci. La legge è quella, di recente introduzione, che riguarda il reato di “Omicidio stradale” e che prevede l’aumento di pena per chi, alla guida di un veicolo, uccide qualcuno.

Secondo una circolare ministeriale che fa riferimento all’articolo 14 del Codice della strada, rischiano addirittura l’arresto se qualcuno si fa male su una strada gestita dal Comune. L’articolo 14 è quello che individua “poteri e compiti degli enti proprietari delle strade”.

Articolo che recita: “Gli enti proprietari, allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione, provvedono: a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonché delle attrezzature, impianti e servizi b) al controllo tecnico della efficienza delle strade e relative pertinenze c) alla apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta”.  “La fattispecie generica di omicidio colposo è quella commessa con violazione delle norme sulla circolazione stradale la cui pena rimane la reclusione da due a sette anni… Il reato ricorre in tutti i casi di omicidio che si sono consumati sulle strade… anche se il responsabile non è un conducente di veicolo. Infatti, le norme del Codice della strada disciplinano anche comportamenti posti a tutela della sicurezza stradale relativi alla manutenzione e costruzione delle strade e dei veicoli”.

Il pensiero va alle tante buche che costellano diverse strade, specialmente cittadine. E di incidenti, anche gravi, lungo le strade della Riviera ce ne sono stati molti. con la legge che introduce il reato di omicidio stradale e con la circolare di coordinamento con il Codice stradale emessa di recente dal ministero dell’Interno, queste responsabilità strutturali che però hanno padri e madri in carne e ossa, un tempo difficili da contestare e soprattutto da sanzionare perché non c’erano i presupposti legali per farlo, ora invece sono punibili. E anche con severità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.