Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Sanremese Mauro Bonino nella Dinamo All Star

Ha partecipato alla All Star Legends Night al PalaSerradimigni in Sardegna

Più informazioni su

Sanremo. Un tuffo nel passato nel segno della memoria storica e dell’amore per la palla a spicchi. Al PalaSerradimigni grande successo per la All Star Legends Night, con l’amichevole tra la Dinamo All Star composta da giocatori del passato e i veterani dell’Alba Berlino. È la formazione biancoverde allenata da Zare Markovski , in un meraviglioso e coinvolgente tuffo nel passato, a trionfare sul campo per 67-38 ma il vero vincitore della ”Notte delle stelle” è il basket e la sua capacità di appassionare, creare aggregazione, coinvolgere. Un PalaSerradimigni emozionato ha riabbracciato con affetto i suoi eroi del passato: facce vecchie e nuove della storia biancoblu, volti scolpiti nella memoria storica del basket sassarese.

La scena. Serata di gala al PalaSerradimigni per la “Notte delle stelle”: occasione speciale per celebrare la storia della Dinamo Banco di Sardegna e i tanti protagonisti che hanno contribuito a farla diventare grande in oltre mezzo secolo. Serata all’insegna del divertimento e dei ricordi, con gli intervalli animati dalle coreografie del gruppo di Video Dance della palestra My Gymnica e i video messaggi di coach Michelini, carichi di consigli e ricordi, e il saluto di un altro grande protagonista: Jason Rowe.

Il roster. I fantastici 12 protagonisti della notte delle stelle sono volti noti del basket sassarese e nazionale, a misurarsi con la formazione di veterani dell’Alba Berlino ci sono Mauro Iceman Bonino (classe 1963, alla Dinamo dal 1992 al 1996), Massimo Bini (classe 1958, dal 1989 al 1992), Franco Picozzi (classe 1965, con la Dinamo dal 1991 al 1996), Peter Ezugwu (classe 1976, in maglia Dinamo nella stagione 2008-2009), il grande capitano Vinicio Mossali (classe 1960, in biancoblu dal 1987 al 1991), George Crazy George” Banks (classe 1972, in forze al club sassarese nelle stagioni dal 1996 fino al 1998 e 1999-2000); Sergio Milia (classe 1960, una vita nella Dinamo, dal 1974 al 1988); Luca Angius (classe 1970, con il Banco dal 1990 al 1996); Emanuele Rotondo, storico capitano classe 1975, la cui maglia #12 è stata ritirata, ha il record di presenze in maglia Dinamo dal 1991 al 2007; Dario Ziranu, classe 1972, in maglia Dinamo dal 1990 al ’92 e successivamente dal 1995 al 2000.

Nonostante non rientri nel target di età ospite speciale l’altro numero 12 storico: questa sera al PalaSerradmigni ci sarà anche Travis Diener. In maglia Dinamo anche lo special guest Antonello Riva, autentica leggenda del basket italiano. In panchina coach Zare Markovski, già coach del Banco dal 1991 al 1994, in A2. Ad arbitrare l’incontro i signori Silvio Zucchelli e Mario Rudellat, i più importanti arbitri sardi nella storia del basket.

Canotta special edition. I fantastici dodici della Dinamo All Star indossano una special edition della tradizionale canotta biancoverde, ideata e realizzata per l’occasione dallo sponsor tecnico dei campioni d’Italia Eye Sport: sorpresa della serata i pantaloncini corti “vintage”. A dispetto della moda attuale tutti i giocatori, anche i più giovani, hanno indossato i tradizionali calzoncini corti da gioco, sconosciuti dalle attuali generazioni, ma ancora vivi nella memoria dei tifosi con qualche capello bianco in più.

Il match. Coach Zare Markovski schiera in campo Milia, Bonino, Banks, Rotondo e Mossali. I primi punti sono dell’Alba Berlino, a segno con Ehebald: break di 4-0 di Emanuele Rotondo per aprire le danze. Punto a punto fra le due squadre che si studiano con attenzione sul parquet, dopo 5’ il tabellone dice 10-8. A trovare l’allungo biancoverde Bini dall’arco, aiutato dalla compagine sassarese composta da Angius e Ziranu (19-12). Nel secondo quarto è l’ingresso di Travis Diener a catalizzare l’attenzione del pubblico del PalaSerradimigni, TD trova il canestro e il popolo biancoblu esulta. Il Banco scava il gap in scioltezza e si va negli spogliatoi sul punteggio di 36-22. Al rientro dall’intervallo lungo la Dinamo dilaga, grazie anche alla carica offendiva degli americani: George Crazy Banks non resiste e inchioda la schiacciata che fa esplodere i tifosi. Il terzo quarto si chiude 54-33: gli ultimi dieci minuti sono di puro divertimento. Al Palazzetto finisce 67-38.

Gara da tre. All’intervallo lungo quattro giocatori si sono sfidati nella gara del tiro da tre, sfida ancora più appassionante perché la linea del tiro dalla lunga distanza oggi è 50 centimetri più avanti rispetto al passato. aprire la competizione gi ospiti con Detlev Schneider che mette a segno 3 bombe, per i padroni di casa c’è Gennaro Guarino che ne infila una sola dall’angolo. Anche per Stephan Ehebald dell’Alba un solo canestro: vincitore della sfida Mauro Iceman Bonino: quattro le triple scagliate dall’arco dall’uomo di ghiaccio.

Premiazione. Al termine del match a premiare le due formazioni due giocatori della Dinamo del presente: il capitano Jack Devecchi e Brian Sacchetti. Per l’Alba Berlino, sconfitti 67-38, ritira il premio Lutz Wadehn, per la Dinamo All Star eletto all’unanimità capitano il numero 10 Sergio Milia. Premiati anche i due arbitri, Silvio Zucchelli e Mario Rudellat. Infine premio per i due ospiti speciali della serata: Antonello Riva, autentica leggenda del basket nostrano, e Travis Diener, leggenda biancoblu.

Dinamo All Star Legends 67 – Alba Berlino Veterans 38

Parziali: 19-12; 17-10; 18-11; 13-5.

Progressivi: 19-12; 36-22; 54-33; 67-38.

Dinamo All Star. Ziranu 6, Angius 13, Picozzi 6, Ezuwgu 5, Bonino 10, Milia 2, Mossali, Rotondo 11, Diener 4, Bini 3, Banks 7, Guarino, Riva. All. Zare Markovski.

Alba Veterans. Knoke 2, Ehebald 8, Stockheim, Schnerider10, Maxl, Rosenberg, Rudiger 8, Wadehn 10. All. Peer Forsberg.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.