Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Guardia di Finanza: Ventimiglia, società sottrae al fisco circa 1,5 milioni di euro

L’indagine è partita da una serie di informazioni, acquisite nell’ambito del cosiddetto “controllo economico del territorio”

Più informazioni su

Ventimiglia. Nell’ambito del contrasto ai fenomeni evasivi più aggressivi, anche a carattere internazionale, i militari della Guardia di Finanza di Ventimiglia hanno concluso un’attività di verifica fiscale nei confronti di una società, operante nel settore dei serramenti, che ha omesso di dichiarare al fisco circa 1,5 milioni di euro.

L’indagine è partita da una serie di informazioni, acquisite nell’ambito del cosiddetto “controllo economico del territorio”, dalle quali emergeva che la società non emetteva la relativa e prevista documentazione fiscale né dichiarava i ricavi conseguiti nei vari anni. Gli accertamenti sono stati condotti anche mediante l’esame dei vari conti correnti intestati alla società e ad entrambi i soci, dai quali emergevano bonifici effettuati dalla Francia verso l’Italia.

Pertanto, attraverso i canali della mutua assistenza amministrativa in campo fiscale, è stato possibile acquisire ed analizzare anche i conti correnti accesi Oltralpe grazie ai quali è stato appurato che gran parte dei ricavi venivano fatti transitare sui conti francesi per poi essere prelevati in denaro contante. Così facendo è venuta alla luce una contabilità assolutamente inaspettata e del tutto “in nero” poiché, dal 2013 in poi la società, nonostante avesse lavorato non aveva più registrato né dichiarato nulla al fisco. L’esito di tale attività ha permesso di segnalare all’Agenzia delle Entrate l’omessa dichiarazione di ricavi per circa 1,5 milioni di euro, con un’imposta evasa di circa 540.000 euro, un’IVA dovuta di circa 60.000 euro nonché un un’altrettanta consistente evasione dell’imposta regionale sulle attività produttive pari a circa 40.000 euro.

I soci, nonché rappresentanti legali della società, per via di tale rilevante evasione fiscale sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Imperia per il reato di “omessa” dichiarazione dei redditi ai sensi del D. Lgs. 10 marzo 2000 n. 74 così come recentemente modificato dal D. Lgs. 24 settembre 2015 n. 158 che, nel caso specifico, prevede la pena della reclusione fino ad un massimo di quattro anni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.