Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Emozioni universali in Falling Down, terzo videoclip del sanremese Vittorio Vignale

Sul canale youtube la sua ballade che parla di amore e universo

Sanremo.  Grande l’orgoglio per l’artista sanremese Vittorio Vignale che oggi, sul canale youtube, vede uscire ufficialmente il suo ultimo lavoro musicale Falling Down. Questo videoclip, il suo terzo, è una ballade che parla di amore e universo.

In trentacinque anni di attività artistica, Vittorio ha dimostrato un virtuosismo innato nel suonare la chitarra elettrica “Ho iniziato tardi, pur avendo respirato sin da bambino in casa con mia mamma e mo fratello, il piacere della musica e del buon suonare” . All’inizio del suo percorso, anni ’80, Vittorio si è cimentato nel rock e nel blues. Grazie alla sua iniziativa, con lui sono anche nate alcune band; in lui passione e motivazione già da allora dimostravano la stoffa del leader, quello che i pezzi li scrive ma che riveste anche il ruolo del manager.

Dopo una decina d’anni di riflessione, qualche tempo fa sente che è ora di tornare a imbracciare la sua chitarra, ma stavolta investendo esclusivamente su se stesso e sulle sue potenzialità. Dopo aver individuato a Bordighera un ottimo studio di registrazione digitale, il nostro artista ritrova la voglia di mettersi in gioco, riuscendo a realizzare quelle produzioni che, adesso, rispecchiano a pieno il suo essere e le sue ispirazioni. “Per quanto riguarda basso e tastiere mi sono avvalso della collaborazione dello polistrumentista e diplomato in composizione Dario Patti mentre, per la traccia di batteria ho scelto Daniele Rebaudo, un ottimo percussionista che, pur nella sua giovane età, fa già della musica la sua professione. La parte audio, come nei miei lavori precedenti, è stata registrata nel “Damage Inc Studio” di Dario Mollo. Il videoclip,infine è stato realizzato da Mizuko Video“.

Un inciso, un ritornello orecchiabile, un assolo di chitarra elettrica, un finale. Quello che serve qui c’è. Il tutto incastonato in atmosfere dal sapore fantascientifico, come piace tanto a lui. Il suo un hard rock, si, ma molto soft, standardizzato anni ’80.

In Vittorio Vignale nessuna velleità: dopo il rammarico di non aver agguantato al volo quel treno che la vita ti fa correre davanti una sola volta, oggi la sua massima aspirazione già lui la vive gustando ciò che la sua passione riesce a realizzare. E ogni volta quell’emozione che scuote il suo cuore e lo fa piangere è la sua scommessa vinta. E questo gli basta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.